La responsabilità politica della violenza

pubblicato il .

Articolo pubblicato sull'Huffington Post.

C'è stata in questi mesi una sempre maggiore escalation di episodi di violenza, dal terrorismo, alle stragi negli Stati Uniti, a quelli che hanno come protagonisti gli ultras agli europei di calcio, agli incidenti provocati dai Black Bloc in Francia, fino all'omicidio a sfondo razziale dell'altro giorno a Fermo.
Sembra un mondo impazzito in cui tutto ciò alimenta paure e spinge a chiudersi. Sembra di essere impotenti di fronte a questi orrori.
Vicende diverse, con matrici diverse che però, forse, hanno un elemento comune nel venir meno della politica a governare i conflitti.
Se si guarda ai successi dei partiti xenofobi, populisti e antieuropei ma anche al successo di Trump negli USA, viene da pensare che viviamo in un mondo in cui una parte della politica ha rinunciato a governare i conflitti, anzi, preferisce esasperarli per produrre e cavalcare le paure.
Da qui deriva anche la scelta di utilizzare linguaggi violenti che stanno imbarbarendo il confronto politico.

Le imprese facciano di più contro la criminalità

pubblicato il .

Articolo pubblicato da L'Unità (file PDF).

Credo che l'inchiesta coordinata dalla DDA di Milano, che ha portato a undici arresti, meriti qualche riflessione. Non tanto e non solo perché alcune ditte coinvolte hanno allestito 4 padiglioni ad Expo su commissione della società dedicata agli allestimenti di proprietà di Fiera Milano. Anzi, da questo punto di vista, le infiltrazioni in aziende coinvolte nella costruzione di padiglioni non possono e non devono far perdere di vista lo straordinario lavoro fatto negli anni da tutte le istituzioni, col contributo decisivo di ANAC, per impedire che i grandi appetiti della criminalità organizzata sull'Esposizione internazionale trovassero soddisfazione. È da tutti riconosciuto - dall'antimafia alle forze dell'ordine fino alla magistratura - che le norme e le attività messe in campo, sia a livello nazionale che locale, hanno funzionato, producendo oltre 90 provvedimenti interdettivi e oggi costituiscono un modello di intervento esportabile ed esportato per mettere in sicurezza tutte le grandi opere.

Non c'è giustificazione alla violenza razzista

pubblicato il .

Intervento a 7Gold.

Il compito del Governo è quello di cercare di intervenire per migliorare le condizioni di vita dei cittadini in tutte le città, indipendentemente dal colore politico dei sindaci e delle amministrazioni.
Su Milano sono anche già stati fatti degli investimenti dal Governo, a partire da Expo 2015 fino ai 150 milioni di euro stanziati quest’anno per costruire il dopo-Expo con eccellenze in grado di creare occupazione e valorizzazione delle nostre Università.
Questo è anche il ruolo che Milano deve avere nel futuro. Il sindaco Sala è andato a Londra perché Milano ha la prospettiva di poter attrarre capitali e investimenti dalla City, in seguito alla Brexit, e il Governo ha anche già fatto sapere che su questo darà una mano. Con la Brexit, infatti, ci sarà un abbandono della piazza finanziaria di Londra e Milano può attrarre capitali, funzioni e persone e, quindi, si possono creare posti di lavoro.

Brexit

pubblicato il .

Intervento a SkyTg24.

La posizione del Governo italiano sulla Brexit è condivisa da molti: non sottovalutiamo il voto inglese, pesa come un macigno sulla questione europea e va affrontato subito, non possiamo attendere perché occorre anche dare un segno di rispetto verso il voto dei cittadini. Prendiamo atto che è stata fatta questa scelta, non apriamo una fase infinita di trattative e discussioni e di ricerca di possibili ritorni indietro ma affrontiamo la questione per quello che è: cioè bisogna mettere in campo un’Europa che sia convincente per i cittadini per le risposte sociali sul lavoro e sulla vita di tutti i giorni che riesce a dare. Fino ad ora, evidentemente, l’Europa non è riuscita a dare risposte adeguate se su di essa si sfogano continuamente tutti i malesseri e le difficoltà dei cittadini.

Al referendum si è arrivati sotto la spinta di forze politiche che hanno cavalcato il malessere ma si è capito solo c’è chi vuole demolire l’Europa, non cambiarla e non si capisce per fare cosa. La vicenda britannica di queste ore, dimostra che nessuno dei fautori dell’exit sa dove si sta andando e dove può portare ciò che è risultato dalla consultazione. Si è scelto di cavalcare un disagio giustificato ma che non lo si risolve così.