Di Battista non minacci Mattarella

pubblicato il .

Ormai Di Battista ci sta abituando alle sue farneticazioni e ce ne siamo fatti una ragione ma non possiamo accettare che in 10 righe su Facebook metta insieme bugie e offese al Capo dello Stato. Sono più di ottanta giorni che le 'forze del cambiamento', con pratiche che ricordano i più antichi riti della prima Repubblica, stanno trattando per formare un governo che oggi vede tra i suoi sostenitori anche Casa Pound. Comprendiamo le simpatie e i vecchi amori di Di Battista ma non possiamo accettare che si inciti alla piazza e si minacci il Capo dello Stato. Mi dispiace per Di Battista ma il nostro è un Paese democratico. Spero che al più presto voglia chiedere scusa al Presidente della Repubblica e che Di Maio si dissoci da queste stupidaggini.

Premier tecnico e non eletto: Lega e M5S tradiscono gli elettori

pubblicato il .

Aspettiamo, vediamo se Mattarella darà l’incarico a Conte, che è stato designato con una modalità discutibile dal duo Di Maio - Salvini.
Ma da subito possiamo registrare il primo tradimento dei propri elettori da parte della neo-maggioranza di destra.
Conte è un tecnico, non è eletto dal popolo e neppure Segretario di partito come era Matteo Renzi.
Ma quante volte hanno detto “mai ai tecnici” (tutti boiardi di Stato) e hanno spiegato che il nostro Governo era abusivo perché il premier non era eletto?
Hanno fatto un sacco di propaganda e tentato di delegittimare per questo un Governo agli occhi dei cittadini e ora, pronti via, candidano un tecnico che non ha preso un voto.
Direi che chiacchiere e propaganda ora stanno a zero!

Premier tecnico è una contraddizione rispetto a ciò che Lega e M5S hanno detto in questi anni

pubblicato il .

Intervento a Radio Lombardia.

Abbiamo ancora pochi elementi per giudicare il futuro Governo M5S-Lega. L’unico vero elemento evidente è il contratto di Governo che hanno sottoscritto Lega e M5S, che raccoglie proposte che ovviamente il PD non condivide. Sulle grandi opere, ad esempio, non esistono mediazioni: per alcune di esse sono già stati spesi molti miliardi e fermarle ora vorrebbe dire avere sprecato tutti quei soldi. Molte proposte contenute nel contratto di Governo, inoltre, anche prese singolarmente, non sono né realizzabili né sostenibili economicamente e ancora meno lo sono messe insieme.
In ogni caso, non penso che il problema sia cosa dice l’Europa o cosa dicono i mercati ma che nel programma ci sono proposte che sono state fatte per prendere i voti ma che non reggeranno alla prova del Governo e noi saremo lì a farlo rilevare e a spiegare ciò che, secondo noi, serve fare per il Paese.
Se le proposte di M5S-Lega faranno fallire il Paese, il punto non sarà recriminare a Di Maio o a Salvini che hanno fallito ma che fine farà l’Italia e quale sarà il destino degli italiani.

M5S-Lega come trovano le risorse per finanziare il contratto di Governo?

pubblicato il .

Intervento a 7Gold.

Il Governo si farà. Mi pare che il tema non sia il contratto - che probabilmente era pronto da tempo, visto che è già ai voti sulla piattaforma Rousseau - mentre invece stanno discutendo riservatamente di posti e poltrone. Tornando al contratto di Governo, riconosco alla Lega di aver scritto le proposte che ha fatto in campagna elettorale.
A me, però, sembrano 50 pagine di buone intenzioni: non è spiegato nel dettaglio come è possibile realizzare ciò che c’è scritto e che comprende contemporaneamente il programma della Lega (che di per sé è molto costoso con Flat Tax e abolizione della Legge Fornero) e il programma di M5S (che è altrettanto costoso con il Reddito di Cittadinanza).
Se M5S e Lega faranno il Governo dovranno spiegare, quindi, come intendono trovare le risorse per realizzare quel contratto di Governo.