I candidati al Colle

pubblicato il .

Intervento in tv a Telenova.

I candidati al Colle di quattro mesi prima di solito si bruciano tutti.
Al momento non c’è ancora nessuna valutazione e nessun percorso: si dovrà cominciare a parlarne nelle prossime settimane, probabilmente dopo aver fatto la Legge di Bilancio.
Io penso che Berlusconi non sia una proposta credibile per tante ragioni. Mi limito a dire che mi pare evidente che Berlusconi sia una figura divisiva.
Mattarella non mi pare che abbia intenzione di proseguire.
L’elezione di Napolitano per un secondo mandato avvenne in una fase drammatica ma poi ad un certo punto fu lui a scegliere di dimettersi: non si elegge un Presidente a tempo determinato.
Questa volta è tutto molto più complicato.
La seconda elezione di Napolitano avvenne all’inizio della Legislatura mentre ora siamo alla fine della Legislatura e dopo arriverà un altro Parlamento.

La nuova manovra

pubblicato il .

Intervento in Tv a 7Gold.

La manovra che è stata presentata mi pare che sia l’agenda di questo Governo, che è anche quella del PD: abbassare la pressione fiscale, mettere in campo strumenti per far ripartire sempre meglio l’economia e affrontare alcuni temi che sapevamo ci avremmo avuto di fronte, con qualunque Governo.
La riforma delle pensioni con quota 100, ad esempio, era prevista per una durata di tre anni, perché altrimenti non avrebbe potuto garantire un equilibrio economico del sistema previdenziale, e ora che è scaduto questo tempo bisogna riformare quella legge.
Io credo che si debba aprire una discussione anche con le parti sociali e cercare di non penalizzare eccessivamente nessuno: non penso che si possa tollerare uno scalone molto grande, come quello che si produrrebbe se si tornasse alla Legge Fornero.

Il green pass funziona perché la norma che lo prevede non è flessibile

pubblicato il .

Intervento in tv a Telenova.

I falsi certificati di malattia per stare a casa dal lavoro per chi non ha il green pass non mi pare che siano una soluzione che possa durare per tanto tempo. Si può fare un certificato di malattia o due ma poi diventa evidente che è una bugia.
Sapevamo che l’entrata in vigore del green pass sui luoghi di lavoro avrebbe prodotto tre cose: una molto positiva è l’aumento delle vaccinazioni e si è verificata, un’altra è l’aumento dei tamponi e anche questo c’è e poi è chiaro che, nella prima fase, vengano usati anche mezzi come la falsa malattia per evitare di fare una scelta.
Io credo che sia giusto che il tampone costi: la logica del green pass è spingere tutti a vaccinarsi.

L'Italia continua a lavorare per dare giustizia a Regeni

pubblicato il .

Intervento a Radio Lombardia.

L’Italia sta facendo tutto quello che può essere messo in atto per Giulio Regeni, a partire dall’inchiesta per l’individuazione dei presunti responsabili dell’omicidio, che sono stati individuati anche grazie al lavoro dei magistrati e delle forze dell’ordine italiane che hanno svolto l’inchiesta con grande attenzione.
È chiaro che da parte del Governo egiziano c’è un vero e proprio ostruzionismo, nel senso che rendono difficile o impossibile individuare il domicilio di queste persone. Sono convinto, però, che non sia finita e, continuando a lavorare, riusciremo a garantire a Giulio Regeni e alla sua famiglia quella giustizia a cui hanno diritto.

Il green pass è una misura utile

pubblicato il .

Intervento in tv a 7Gold.

Mi pare che il green pass sia una misura utile e coerente con le scelte che ha fatto il Governo in questa fase e che ci portano ad avere dei dati positivi rispetto ai contagi e ai decessi, nonostante la riapertura delle scuole. Questo vuol dire che non bisogna mollare, per fare in modo di non dover richiudere e per fare in modo che le persone vaccinate e immunizzate siano sempre di più, perché si raggiunga l’immunità di gregge (e per questo non è sufficiente che sia vaccinato l’80% della popolazione). È necessario e utile che si garantisca che le persone che operano nelle scuole, nei luoghi di lavoro e negli edifici pubblici non diffondano il contagio.
Il green pass è lo strumento che è stato messo in campo e credo che questa iniziativa del Governo possa e debba spingere più persone a vaccinarsi.
Credo anche che sia giusto che il tampone, come dice il decreto, sia dato gratuitamente solo alle persone che il vaccino non possono farlo perché hanno problemi di patologie che impediscono loro di farlo mentre gli altri che per avere il green pass preferiscono fare il tampone è giusto che lo paghino, anche se a prezzi calmierati. Il green pass è l’alternativa alle chiusure ma è anche l’alternativa all’obbligo vaccinale.