Sala e Parisi hanno due proposte politiche diverse

pubblicato il .

Intervento a Radio Lombardia.

Domenica 19 giugno si vota per il sindaco di Milano. Sala e Parisi hanno due proposte politiche diverse. Ho sentito le dichiarazioni di Parisi e capisco il suo tentativo di affascinare il Movimento 5 Stelle, però, francamente, non vedo grandi novità nella compagnia che sta attorno a lui e neanche tanta attenzione alla legalità o alla trasparenza stando a ciò che quella compagine ha dimostrato nel corso degli anni in cui il centrodestra ha governato a Milano e ora che governano Regione Lombardia. Così come non vedo attenzione ai temi della legalità e della trasparenza nelle proposte che Parisi ha avanzato in questi giorni, in cui ha detto tra l’altro anche di voler escludere la Commissione Antimafia.
Beppe Sala, invece, sui temi della trasparenza e della legalità ha coinvolto Gherardo Colombo, persona inattaccabile; ha poi indicato tra le priorità il tema della casa dicendo come si farà ad avere i soldi per intervenire sul degrado; inoltre, Parisi ha anche detto di voler costruire mentre Sala ha parlato di mettere il verde nella riqualificazione degli ex Scali ferroviari. Infin, anche le persone indicate da Sala nell’intervista al quotidiano Repubblica indicano delle scelte di priorità: Ambrosoli per la Regione, Linus per aprire un canale di comunicazione con i giovani, Emma Bonino per continuare a garantire la dimensione internazionale di Milano. Sono nomi, questi, che danno concretamente l’idea di quali sono le priorità e di chi le seguirà. Parisi, invece, non ha fatto sapere nulla delle sue priorità.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive