La situazione nelle carceri e le norme riguardanti i detenuti per fronteggiare l'emergenza

pubblicato il .

Intervista a Radio 3 (video).

Penso che il tema della sovrappopolazione carceraria vada affrontato.
Chi pensa che si possa risolvere l’emergenza di questi giorni senza mettere mano alle carceri, senza mettere mano al fatto che ci sono celle in cui si trovano 6 persone in 10 metri quadrati (mentre noi stiamo attenti a mantenere il metro di distanza anche in famiglia), sbaglia.
È evidente che intervenire per ridurre la popolazione carceraria in questo momento è un tema assolutamente decisivo, poi ci stanno i controlli sanitari, le regole sui colloqui e tutto ciò che il Governo sta prevedendo di fare, però questo è il tema principale.
Il decreto è un primo passo, secondo me non sufficiente.

Nelle carceri bisogna ridurre la popolazione. E si deve fare di più.

pubblicato il .

Articolo pubblicato su Huffington Post.

Tutti gli operatori, i magistrati di sorveglianza, i garanti regionali e comunali ci stanno dicendo che la situazione nelle carceri italiane è esplosiva. Le rivolte degli scorsi giorni sono state sedate, ma la tensione e la paura negli istituti sta diventando sempre più alta. Le preoccupazioni di contagio, le condizioni igieniche, l’impossibilità di comunicare coi familiari se non telefonicamente, stanno rendendo insostenibile per i detenuti, ma anche per agenti e operatori, la situazione. Di fronte a questa situazione gravissima le norme introdotte dal decreto “cura Italia” sono un primo passo, ma certamente insufficiente. Leggo che la Lega, innanzi tutto, pensa sia possibile risolvere questo dramma chiudendo le celle e dando le mascherine agli agenti. Purtroppo non è così. E non sono neppure sufficienti le misure, giuste, previste per sanificare le carceri, sostenere il lavoro e aumentare il numero degli agenti di custodia, creare presidi sanitari all’interno, attrezzare le carceri per consentire più contatti telefonici o via Skype con i familiari.

Vita nelle carceri italiane

pubblicato il .

Intervista di Osservatorio Diritti.

Il 9 marzo diversi altri istituti sono entrati in agitazione, spesso nei reparti di dipendenza. Tra questi il carcere di San Vittore, a Milano, dove oltre 20 detenuti hanno distrutto gli spazi del progetto “Nave” dedicati al recupero dei tossicodipendenti. Sono stati incendiati materassi, saccheggiati gli armadietti dell’ambulatorio medico e assunti farmaci che hanno poi comportato il ricovero in ospedale per abuso di sostanze. Per diverse ore una decina di detenuti è rimasta sul tetto del carcere urlando «libertà, libertà».
«Se l’informazione dall’esterno entra solo con il telegiornale che invita a stare un metro di distanza dagli altri e la tua cella, che dividi con altri due, è poco meno di tre metri per tre è evidente che vieni assalito dal panico e reagisci», spiega il senatore del Partito Democratico Franco Mirabelli.

Una task force per studiare le soluzioni per i detenuti

pubblicato il .

Intervista di Radio Popolare.

In piena emergenza da epidemia di coronavirus COVID-19, la rivolta dei detenuti è scoppiata un po’ in tutti gli istituti penitenziari in Italia, anche in quelle in Lombardia. Ne abbiamo parlato con col senatore del Partito Democratico Franco Mirabelli, che ieri è stato in visita al carcere di San Vittore.
Com’è la situazione nelle carceri lombarde?
È una situazione di tensioni che ieri a San Vittore ha prodotto una rivolta che si è diffusa man mano in quasi tutti i reparti, fortemente danneggiati da incendi e altri danneggiamenti. Tutto è partito dal terzo raggio, in cui si trovano i detenuti tossicodipendenti, e poi si è estesa ovunque con alcuni detenuti in rivolta saliti sui tetti. La situazione a Opera mi pare più tranquilla nonostante fuori, durante la notte, ci siano state alcune manifestazioni con esplosione di petardi e mortaretti. Su Pavia non so dirle, ma credo che la situazione sia rientrata in quasi tutte le carceri d’Italia.