Uno Stato si occupa di prevenire i reati, non di vendicarli

pubblicato il .

Intervento alla trasmissione "Punto di Domanda" di 7Gold (video).

Sul tema della castrazione chimica il centrodestra sta facendo molta propaganda perché l’emendamento della Lega diceva che l’accesso a dei farmaci per inibire la sessualità era su richiesta personale e non si capisce, quindi, perché questo debba essere scritto sul Codice Penale.
Se una persona pensa di avere dei problemi e di avere necessità di risolverli già oggi può farlo accedendo agli stessi farmaci.
L’idea che uno Stato di diritto e liberale possa obbligare qualcuno alla castrazione chimica richiama un’idea di pena che guarda alla vendetta, non alla cura e al ripensamento degli errori fatti.
Quello che serve e che stiamo cercando di spingere è la prevenzione.
A me interessa poco la vendetta, l’idea per cui dobbiamo intervenire aumentando le pene oppure mettere la gente in condizione di sparare, come si vuole fare con la legge sulla legittima difesa.

Con quota 100 i tribunali rischiano di trovarsi con il 40% in meno di personale amministrativo

pubblicato il .

Intervento alla trasmissione "Punto di Domanda" di 7Gold (video).

Non penso che ci siano spiegazioni o giustificazioni plausibili per ciò che è accaduto a Torino. Capisco la reazione di un padre che ha perso un figlio, che considero una cosa profondamente innaturale già di per sé, poi in questo modo tragico diventa ancora più drammatica.
Da sempre conviviamo con persone che, al di là della nazionalità, possono commettere reati gravi, pensiamo ai femminicidi compiuti da uomini italiani magari anche istruiti che perdono la testa oppure si sentono nella legittimità di uccidere per un torto.
Queste cose accadono, bisogna affrontarle e soprattutto bisogna cercare di prevenirle. Sicuramente anche la carcerazione preventiva è un modo per prevenirle.

La riforma della legittima difesa è di chi deve tutelare la nostra sicurezza e invece dice che lo Stato non ce la fa

pubblicato il .

Intervento a UnoMattina, Raiuno (video).

Con le modifiche approvate alla legge sulla legittima difesa viene meno un principio fondamentale del nostro Diritto, richiamato in questi giorni anche dagli avvocati e dalla magistratura, che è quello della proporzionalità. Viene meno, cioè, il fatto che la reazione difensiva debba essere proporzionale all’offesa ricevuta. Dire che la difesa è legittima “sempre”, infatti, vuol dire che si può sparare ad un ladro che, scoperto, sta scappando e questo è un vulnus grave.
Non possiamo non porci il problema di tutelare le vittime che si trovano nelle condizioni di doversi difendere ma mettere in discussione il principio della proporzionalità apre scenari pericolosi.

C'è una preoccupante deriva neonazista

pubblicato il .

Siamo di fronte ad una onda inquietante di pericolosi rigurgiti neofascisti.
L’episodio di Varese è solo l’ultimo dei tanti che Paolo Berizzi, con le sue inchieste, e Lele Fiano con il suo impegno politico denunciano da tempo. Il ministro dell’Interno, che si preoccupa di sequestrare decine di persone sulle navi per la sua propaganda, forse dovrebbe cominciare a fare il suo mestiere e ad agire contro pericolosi fenomeni che ormai sono all’ordine del giorno.
La mia solidarietà e quella del gruppo del Pd al Senato a Paolo Berizzi e a Lele Fiano.