Il PD sostiene la lista Nuova via per Borgio Verezzi

pubblicato il .

Con Sonia Garofalo abbiamo condiviso la scelta di dar vita alla lista "Nuova via per Borgio Verezzi" perché ne condividiamo i progetti e le proposte.
Oggi sono venuto a testimoniare che Sonia non è sola, che la sua candidatura e la lista a cui ha dato vita è sostenuta da tutto il Partito Democratico.

Savona a portata di futuro

pubblicato il .

Intervento all'incontro “Next Generation In Savona a portata di futuro” (video).

In queste settimane sto seguendo la politica savonese per la campagna elettorale e da una parte c’è un progetto rappresentato da Marco Russo, che è stato costruito nel tempo, ha unito tanti, non solo le forze politiche. Raramente, infatti, si vede un centrosinistra così unito come quello che c’è attorno a Marco Russo, per un progetto chiaro.
Il PNRR prevede molti soldi ma, per arrivare a Savona, ha bisogno che ci sia un’amministrazione che abbia dei progetti da proporre, che devono essere finanziati e questi progetti devono essere pronti presto, perché le risorse messe a disposizione devono essere spese entro il 2026 e impegnate entro il 2023.
Il progetto portato avanti da Marco Russo prevede questo e mette in campo idee come quelle sull’elettrificazione e la digitalizzazione del porto, sull’ambiente. Queste sono tutte priorità che si prevede che possano essere finanziate con il PNRR che, dunque, può essere una grande occasione per Savona.

Savona ha bisogno di guardare al futuro

pubblicato il .

Due giornate intense. Tanti presidi dal centro alle periferie di Savona per sostenere Marco Russo e chiedere il voto per il PD.
Grazie alle candidate e ai candidati, alle democratiche e ai democratici che ci sono stati.
Ancora una settimana di lavoro per vincere in un Comune che ha bisogno di guardare al futuro con le proposte e la competenza di Marco Russo.

Da beni confiscati a strumenti di riscatto

pubblicato il .

Intervento svolto all'incontro “Da beni confiscati a strumenti di riscatto” (video).

Condivido le proposte che sono state presentate sui beni confiscati da Arianna Censi e Federico Ferri per riprendere l’annuale Festival dei Beni Confiscati e organizzare, in quell’occasione, una “conferenza” sullo stato dell'arte del contrasto alle mafie nel nostro territorio; favorire un’informazione sempre più capillare sulla presenza nei quartieri di beni confiscati e sulle attività svolte al loro interno dalle associazioni, così da valorizzare in un’ottica di rete con le altre istituzioni, specialmente con la scuola; prevedere che il Comune sostenga economicamente le attività svolte dalle associazioni all’interno dei beni confiscati, che costituiscano di fatto un servizio pubblico che richieda continuità; promuovere l’adozione di un regolamento comunale per l’acquisizione, l’assegnazione e il monitoraggio dei beni confiscati alla criminalità organizzata; prevedere che il Comune, anche in collaborazione con il Tribunale e l’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati, assegni provvisoriamente, con iter accelerato, spazi adeguati alle famiglie afghane in fuga dal regime dei Talebani.