Dopo la bocciatura della riqualificazione degli scali, SEL non scelga la sinistra conservatrice

pubblicato il .

La gravissima bocciatura definitiva della delibera sugli scali ferroviari chiarisce che, oltre al centrodestra, c'è una parte della sinistra e della coalizione che avrebbe dovuto sostenere la giunta che si è assunta la responsabilità - per ragioni ideologiche - di bloccare un progetto necessario alla città. È chiaro che non è pensabile fare nessuna alleanza per il futuro con queste forze per chi vuole proseguire l'azione di rilancio e trasformazione positiva di Milano che ha caratterizzato questa amministrazione.
Chi è stato prima contro Expo e ora ha affossato un'altra straordinaria occasione di trasformazione e innovazione come quella costituita dagli scali ferroviari ha un progetto incompatibile col nostro. Non si migliora Milano né la vita dei milanesi opponendosi a tutto e difendendo sempre l'esistente.
In vista delle primarie oggi è tutto più chiaro.
Oggi anche a SEL credo sia chiaro che l'alternativa che ha di fronte è tra allearsi con questa sinistra che ha dimostrato di essere conservatrice e non di governo, o dare davvero continuità ad una azione amministrativa che ha prodotto risultati per i milanesi e che va rilanciata col contributo di tutti, chiunque sia il candidato che vincerà le primarie.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive