La crisi sanitaria e economica, gli aiuti del Governo e la Lombardia

pubblicato il .

Intervento in Tv a 7Gold (video).

Questa crisi sanitaria è totalmente inedita. Non abbiamo mai vissuto niente di simile.
Questa crisi comporterà anche problemi economici molto seri. Il Paese, infatti, è fermo da due mesi e inoltre c’è una crisi mondiale. Per un Paese che esporta come il nostro, quindi, è difficile anche capire quanto andranno in crisi le nostre esportazioni: con una crisi così forte anche da parte degli altri Paesi ci sarà meno disponibilità.

È evidente che stiamo vivendo una situazione inedita di grande emergenza.
Abbiamo appena votato un decreto con cui si dà al Governo la possibilità, attraverso decreti del Presidente del Consiglio, di intervenire per affrontare la questione della diffusione della pandemia e che ha consentito anche le scelte che sono state fatte sulle chiusure e sugli inviti a restare in casa.

Dalla destra un regalo all'illegalità

pubblicato il .

Mentre i magistrati antimafia ci mettono in guardia sul pericolo che la crisi sia utilizzata dalle mafie per aggredire l’economia legale, dopo Salvini che propone condoni tombali per tutti, ora Toti - Presidente di una Regione in cui, come dimostrano le inchieste, la ‘ndrangheta si è insediata da tempo - propone di cancellare per due anni tutte le regole, il codice antimafia, le gare europee, fino ai vincoli ambientali.
Insomma, una festa per l’illegalità e la criminalità organizzata.
È la ricetta pericolosa di chi pensa che per fare le cose in fretta bisogna far saltare le regole e i controlli di legalità, un’idea che questo Paese ha pagato in passato quando la cultura dell’emergenza ha prodotto corruzione e scempio del territorio.
Meno burocrazia non può significare meno regole ma più responsabilità e più semplificazione delle procedure.

Commenti recenti