Salvini usa l'emergenza per strizzare l'occhio all'illegalità

pubblicato il .

Emergenza o non emergenza la ricetta di Salvini è sempre la stessa. Condono tombale per gli evasori e per gli abusi edilizi.
Non si capisce come questo aiuti a trovare risorse per garantire un reddito a chi lo ha perso, a garantire i servizi pubblici e a mantenere i bilanci dei Comuni.
Sicuramente si prende a pretesto una drammatica emergenza per strizzare l’occhio a chi le regole non le rispetta e le tasse non le paga.
Attenzione perché per fare propaganda si rischia di dare il messaggio che, per uscire dalla crisi si può sacrificare anche la legalità.

C'è il rischio che si usi l’emergenza per far passare principi diversi

pubblicato il .

Intervento a Radio Lombardia (video).


Sono colpito dal fatto che ci sia stata una reazione entusiastica da parte di Salvini per la scelta che è stata fatta in Ungheria di conferire pieni poteri a Orban. Non è del tutto una novità: Orban aveva già tentato di riformare in maniera drastica la Costituzione ungherese per aumentare di molto il potere nelle mani del Presidente senza nessun contraltare e limitando la partecipazione e, quindi, riducendo anche la democrazia.
Oggi il rischio è che in alcuni Paesi si usi l’emergenza per far passare principi diversi da quelli delle democrazie liberali oppure per indebolire l’Europa oppure, guardando a casa nostra, che si usi l’emergenza per ridurre le misure di contrasto all’illegalità con la scusa di fare tutto in fretta. Questi rischi ci sono e la politica deve stare molto attenta.

Video dell'intervento» 

Commenti recenti