La Sanità lombarda malata prima e durante il covid… e dopo?

pubblicato il .

Intervento svolto all'incontro organizzato dal PD di Cologno Monzese (video).
 
Penso che stiamo dicendo la verità quando raccontiamo che, alla prova della pandemia, la sanità lombarda si è rivelata non all’altezza del compito di proteggere e difendere i cittadini.
Per molto tempo ho detto e raccontato ciò che è stato evidente nella prima fase della pandemia: la Regione Lombardia è stata la Regione in cui non solo il virus si è diffuso di più (che può essere una cosa abbastanza ovvia visto che abbiamo 10 milioni di abitanti e siamo uno dei poli economici non solo del Paese ma anche di tutta Europa), ma il problema è che qui la pandemia, con quei contagi, è stata affrontata non avendo la capacità e gli strumenti per curare le persone.
È sufficiente guardare i dati per rendersi conto di questo e, prima o poi, lo faremo.
Non penso che questo sia il momento della polemica politica ma i dati raccontano che in Regione Lombardia il tasso di mortalità sia altissimo sia rispetto ai contagi che rispetto al numero di abitanti, sia guardando al resto del Paese che ad altre Regioni, pure governate dal centrodestra, come ad esempio il Veneto, che però hanno fatto scelte diverse su terreni fondamentali.

Le Regioni sono rappresentate nella cabina di regia che decide le regole

pubblicato il .

Intervento in tv su Raidue (video).

Va detto che le Regioni sono rappresentate nella cabina di regia che decide le regole. Si è fatta una scelta, dopo una discussione parlamentare (perché il DPCM, questa volta, è stato fatto dopo la discussione avvenuta in Parlamento), che è quella dei 21 criteri con cui definire scelte automatiche, proprio per togliere le decisioni dall’agone politico e per dare il messaggio che non si stanno prendendo delle misure per punire qualcuno o favorire qualcun altro. L’unico obiettivo è quello di combattere la pandemia, combattere il virus e tutelare la salute dei cittadini. Questo è il tema. La responsabilità vorrebbe che, al di là delle differenze di valutazione che ci possono essere, tutti facessimo attenzione a questo prima di tutto. Stiamo combattendo un nemico comune.
Il DPCM dice anche con grande chiarezza che ci può essere una valutazione che fanno le Regioni per definire zone diverse. Penso, quindi, che si possa aprire una discussione per vedere se Bergamo o altre province possano cambiare fascia, ovviamente sulla base dei dati epidemiologici non su altro. Il DPCM dice questo.

Fontana faccia il proprio dovere invece di attaccare il Governo

pubblicato il .

Fontana attacca il Governo scaricando le proprie responsabilità, fa propaganda politica invece di fare la propria parte per combattere la pandemia, mentre in Lombardia i contagi sono altissimi e i medici lanciano allarmi continui sulla tenuta del sistema sanitario e degli ospedali.
Mentre le persone hanno bisogno di risposte e di aiuto, Fontana fa campagna elettorale invece di preoccuparsi di fare la propria parte.
In Lombardia, chi ha i sintomi aspetta almeno 4 giorni per fare il tampone e altri 4 per avere risposte e resta abbandonato a casa, altroché i tamponi a domicilio e le cure a casa di cui parla Salvini.
In Lombardia, le persone a rischio non trovano i vaccini antinfluenzali. Fontana si occupi finalmente di questo, delle inefficienze della sanità lombarda e faccia la sua parte per combattere il virus e tutelare i lombardi.

A che titolo Salvini interviene sulle scelte della Lombardia?

pubblicato il .

Le incursioni di Salvini di queste ore in Regione Lombardia sono inaccettabili.
Mentre le istituzioni, con i Sindaci in prima fila, assumono decisioni non semplici per tutelare la salute dei cittadini lombardi di fronte alla diffusione del Covid, lui si occupa di tutelare il consenso elettorale della Lega contestando quelle scelte.
Salvini non ha voce in capitolo, non ha nessuna responsabilità nelle istituzioni lombarde ed è grave che pretenda di arrogarsi, come ha fatto ieri, una sorta di diritto a dire cosa può o non può fare la Regione Lombardia.
Se vuole impegnarsi per la nostra Regione si occupi dei vaccini che mancano e dell’assistenza territoriale che è stata demolita dal centrodestra.