Articolo sugli scandali nelle Regioni

pubblicato il .

Ciò che è emerso in questi giorni a partire dallo scandalo della Regione Lazio è vergognoso. E’ inaccettabile l’utilizzo di soldi pubblici per finalità diverse da quelle istituzionali, per alimentare privilegi e investimenti che nulla hanno a che fare con le ragioni per cui i consiglieri regionali sono stati eletti. L’utilizzo eccessivo di soldi destinati al funzionamento dei gruppi e quelli assegnati ai consiglieri in Lazio e in altre ragioni per le spese personali, che si aggiungono alla indennità, sono eccessivi e, soprattutto è grave che vengano dati, senza alcun obbligo e nessun controllo.

Da Affari Italiani: Le Ragioni del mio sostegno a Bersani

pubblicato il .

Franco Mirabelli, consigliere regionale democratico, in un'intervista ad Affaritaliani.it "scalda" i motori in vista delle primarie del centrosinistra con un endorsement chiaro pro Bersani. Poi annuncia l'iniziativa di venerdì, quando AssDem e Primavera Democratica proporranno un convegno dal titolo "Da Milano, la proposta riformista per l'Italia"
Consigliere Mirabelli, iniziamo dal fondo: chi sceglie e perché.

Ritrovare il buon senso per ricostruire l'Italia

pubblicato il .

Finita l'estate spero ritorni il buon senso e si superino i paradossi di queste settimane. Ci sono quelli che pensano di aiutare Bersani alle primarie sostenendo che il governo che il PD di Bersani ha voluto e sostenuto fa schifo, è la causa di tutti i mali dell'Italia e che chi ha pensato fosse giusto sostenere il governo di emergenza non deve votare Bersani.

A proposito dei referendum

pubblicato il .

Si possono fare due scelte: quella di assumersi la responsabilità di governare il Paese in un momento così difficile per cambiare davvero e dare risposte ai problemi reali delle persone o quella di accarezzare il pelo ad ogni rivendicazione giusta o sbagliata che sia scegliendo la strada semplice della propaganda, di scaricare su altri la responsabilità, di non preoccuparsi di dare risposte vere ai problemi ma accontentarsi di cavalcarli.