Ingrao, punto di riferimento di una generazione

pubblicato il .

Pietro Ingrao è stato tanto importante per me e la mia generazione, un punto di riferimento ideale che ci ha fatto crescere con la convinzione che non si deve mai rinunciare ai propri ideali e a coltivare insieme a tanti le grandi utopie di un mondo migliore, più giusto da consegnare alle generazioni future. Ci ha insegnato che ciò che facciamo oggi non deve compromettere mai un patrimonio che non è nostro ma dei nostri figli. Per questo sarà sempre nel mio cuore e nella mia testa. Ciao Pietro.

Riforma del Titolo V e Sanità

pubblicato il .

Intervento al Circolo PD PratoBicocca (video).

In questi giorni, si sta discutendo molto di ipotetici tagli alla Sanità, lasciando ampi spazi alla propaganda e alla disinformazione messa in atto dalle opposizioni e, in particolare, dal Movimento 5 Stelle ma anche da soggetti che hanno degli interessi in gioco nel settore.
Vale la pena, quindi, di ricordare che il Parlamento, quando è stata approvata la riforma della Pubblica Amministrazione, ha votato una delega al Governo affinché facesse un decreto per andare a ridurre le prestazioni inutili o inappropriate. Si tratta di circa 10 miliardi di spesa in prestazioni che vengono ritenute inutili ma prescritte e pagate con i soldi pubblici. L’obiettivo economico fissato con la delega votata è volto a raggiungere un risparmio di 2 miliardi, tagliando le prestazioni inappropriate, che poi andrebbero interamente reinvestiti in Sanità.

Mafie al Nord? Sconfiggiamole con la cultura della legalità, del diritto e della responsabilità

pubblicato il .

Intervento ad un dibattito del PD della Zona 7 di Milano (video dell'incontro).

In questa legislatura, la Commissione Parlamentare Antimafia ha scelto di svolgere prioritariamente un approfondimento della presenza della criminalità organizzata al Nord. Questo lavoro è stato fatto guardando le inchieste che hanno coinvolto i territori del Nord in questi anni e c’è stato il contributo dell’Università degli Studi di Milano e di Nando Dalla Chiesa.
Gli incontri pubblici organizzati sui territori per discutere del tema delle mafie al Nord sono importanti anche per raccontare il lavoro svolto e, soprattutto, per far comprendere la portata del fenomeno della criminalità organizzata anche in questi luoghi d’Italia.
Spesso, infatti, si sente parlare di infiltrazioni mafiose al Nord ma è riduttivo: tutte le inchieste dicono chiaramente che le mafie – e, in particolare la ‘ndrangheta – sono insediate profondamente nel tessuto economico e sociale al Nord. Non è, quindi, un fenomeno residuale.

Per una società senza mafie

pubblicato il .

Intervento alla Festa nazionale PD sulla Giustizia a Firenze (video).

In questi due anni, con la Commissione Antimafia abbiamo cercato di studiare e di capire meglio cosa sono le mafie al Nord, approfondendo le inchieste in corso.
Al Nord si ha prevalentemente la ‘ndrangheta, che è molto forte e non è tanto interessata agli appalti pubblici ma mira a infiltrarsi nell’economia legale, soprattutto in Emilia, Lombardia e Piemonte perché ci sono i soldi.
Gli studi che abbiamo fatto sulle mafie smentiscono il modello che tutti avevano in mente dell’uomo che arriva con la valigetta piena di soldi da riciclare nella finanza. C’è anche questo ma, in prevalenza, la scelta appare quella di usare i metodi mafiosi per riuscire a condizionare l’economia privata.