Eleggere una donna è una scelta positiva

pubblicato il .

La scelta di eleggere un capogruppo donna è una scelta importante che il gruppo del Pd al Senato deve compiere con responsabilità.
Si tratta di una scelta positiva, che non deve suonare come la punizione di Marcucci, di nessuno o di una posizione politica ma come la volontà di porre il gruppo al Senato, come quello della Camera, sulla frontiera di un grande partito che fa della questione della parità di genere un tratto fondamentale della propria identità. 

Il nuovo Segretario e il PD

pubblicato il .

Intervento all'Assemblea PD del Municipio 9 di Milano.

Forse sarebbe stato meglio se Zingaretti non avesse dato le dimissioni da Segretario del PD: aveva ancora una larga maggioranza all’interno dell’Assemblea Nazionale e avrebbe potuto legittimamente continuare a dirigere il partito.
Zingaretti aveva saputo risollevare il PD, rispetto alle scelte che lo avevano portato nel 2018 a diventare il quarto partito in Parlamento; aveva saputo ridare una prospettiva.
Sicuramente c’erano problemi da affrontare e risolvere ma si potevano evitare le dimissioni del Segretario. Le dimissioni di Zingaretti, però, non sono figlie di una sconfitta: non dobbiamo rimuovere le ragioni delle dimissioni. Le dimissioni sono state figlie di una discussione che è partita immediatamente dopo la formazione del Governo Draghi e che ha rischiato di rendere l’immagine del PD all’esterno come di un partito molto conflittuale. La discussione poteva logorare il gruppo dirigente e, soprattutto, il partito. Per interrompere non la discussione ma quelle modalità di discutere, mettendo tutto in pubblico, sui giornali e facendo una discussione tutta autoreferenziale, Zingaretti ha scelto di fare uno strappo per mettere tutti di fronte ad una situazione che non poteva andare avanti.

Costruiamo insieme il futuro del nostro partito

pubblicato il .

Intervento all'assemblea del PD di Cologno Monzese.

Peluffo sta facendo un grande lavoro con il PD regionale in una situazione molto complicata. Penso che il modo in cui stiamo affrontando il tema dell’opposizione sia complicato, soprattutto in questa fase e con una critica molto forte - su cui dobbiamo continuare a insistere - al modo in cui la Giunta lombarda sta affrontando complessivamente il tema della pandemia e della campagna vaccinale.
Nel PD veniamo da una fase complicata che non è passata.
Con le dimissioni di Zingaretti abbiamo vissuto un momento difficile per il partito: la reazione sia all’interno che all’esterno è stata molto pesante. Oggettivamente siamo stati molto in difficoltà.
La disponibilità di Letta e la sua elezione a Segretario, sicuramente ci mette nelle condizioni di ripartire e di rilanciare il partito ma i problemi che sono emersi in questi mesi ci sono ancora tutti e non dobbiamo rimuoverli.

Da Letta un atto d'amore per il PD

pubblicato il .

Quella di Enrico Letta è una scelta bella, davvero un atto di amore verso la comunità del Pd, la scelta di chi si mette a disposizione del proprio partito e del proprio Paese è in sé di grande valore.
Ora mettiamoci tutti a disposizione, come Enrico, per fare e dare una mano al PD, senza chiedere niente e anzi sacrificando qualcosa se serve.
È troppo importante ripartire insieme.