Carcere: i fatti di Santa Maria Capua Vetere

pubblicato il .

Intervento svolto ad una videoconferenza organizzata dal PD del Giambellino.

Credo che sia molto importante discutere di queste questioni, anche se purtroppo ce ne occupiamo soltanto di fronte a eventi drammatici o luttuosi.
Io penso che la politica si debba occupare del carcere.
Se la politica, le amministrazioni, i quartieri, i territori si occupano di carcere si creano più facilmente gli anticorpi per evitare le violenze, che con la vicenda di Santa Maria Capua Vetere sono apparse tanto intollerabili quanto sorprendenti per che non conosce il mondo del carcere ma che, invece, purtroppo sono frequenti all’interno delle carceri.
Nelle carceri, infatti, c’è un clima di violenza e di tensione di cui sono vittime tutti, i detenuti ma anche gli agenti di polizia penitenziaria e anche chi sta in carcere a svolgere un lavoro di trattamento e di direzione.
Abbiamo presentato una mozione, che ho illustrato in Senato quando è venuta la Ministra Cartabia a relazionare sulla violenze di Santa Maria Capua Vetere, con cui abbiamo chiesto l’istituzione di una Commissione di Inchiesta specifica sulle violenze nelle carceri, che non solo quelle avvenute a Santa Maria Capua Vetere, come indicano le statistiche che sono state recentemente diffuse anche dalla Gabanelli in cui sono riportati dati delle violenze diffuse ai danni degli agenti di custodia all’interno delle carceri e molti altri episodi.

Il ricordo di Antonio Figini

pubblicato il .

Oggi in tanti abbiamo ricordato e salutato Antonio Figini nel circolo che è stato il suo per più di 40 anni, in cui ha sempre difeso ma anche criticato il suo Partito.
Gli è stato dedicato lo spazio principale della sede che si è battuto per comperare, per il Pd ma anche per continuare a far vivere un luogo di incontro per il suo quartiere.
Ancora grazie Antonio.


Come la droga alimenta le mafie

pubblicato il .

Intervento svolto all'incontro organizzato dal Circolo PD I Cento Passi di Bologna (video).

Credo che questo sia un momento importante per il Circolo PD I Cento Passi ma credo che sia anche un momento importante per il PD in generale. La scelta di dedicare un circolo del PD a Peppino Impastato è la scelta di fare della lotta alla mafia una questione centrale e una priorità. È anche la scelta di tenere viva la questione della lotta alla mafia in una fase in cui, su questo tema, l’opinione pubblica è spesso distratta perché le mafie e in particolare la ‘ndrangheta in questi anni hanno fatto la scelta precisa di tenere un basso profilo, di sparare il meno possibile, di non allarmare la popolazione e ci sono riusciti benissimo.
Nonostante le inchieste che si sono ripetute e proseguono, perché il nostro Stato si è attrezzato per la lotta alla mafia sia dal punto di vista normativo che delle capacità delle forze dell’ordine e dell’organizzazione della Direzione Nazionale Antimafia, infatti, il nostro Paese sottovaluta il problema.
C’è stata una grande sensibilità e una grande attenzione che ha portato a una utile mobilitazione nella fase delle stragi, in cui le mafie sono state più violente.

Più gente partecipa alle primarie, più è forte la spinta per i vincitori

pubblicato il .

Intervento a Radio Radio (video).

Penso che a Roma e a Bologna la partecipazione alle primarie sarà più alta rispetto a quella che c’è stata a Torino.
La partecipazione è legata anche al fatto che usciamo da una fase di ristrettezze: ci sono state molte preoccupazioni a uscire di casa e probabilmente questo ha influito, così come avranno influito anche errori comunicativi.
Il risultato di tutto ciò lo valuteremo quando si voterà per i sindaci.
Se sarà stata efficace o meno la decisione del PD e del centrosinistra di mettere nelle mani degli elettori la scelta del candidato sindaco la valuteremo quando ci saranno i risultati elettorali. Io penso che saranno positivi.
Penso che, ovviamente, più gente partecipa alle primarie più è forte la spinta iniziale delle campagne elettorali dei candidati che le vincono.

Video dell'intervista»