Sulla TAV il Governo non ha una posizione chiara

pubblicato il .

Intervento a Sky (video).

Non credo che si arriverà ad una crisi di Governo. Si parla di uno scontro che è tutto mediatico, fatto dichiarazioni ma poi anche in questi giorni nelle Aule Parlamentari Lega e M5S hanno condiviso una mozione sulla TAV che hanno votato e che ancora non contiene una posizione chiara.
Si continua a dire che i 5 Stelle vogliono bloccare il Paese ma non ho ancora visto atti parlamentari o politici in cui la Lega si distanzi o dia un segnale diverso. Esattamente come è successo alla Camera dei Deputati, anche oggi al Senato, si è votato una mozione sulla TAV che di fatto tiene ancora tutto “a bagno maria” in nome del contratto di Governo e della verifica costi-benefici.
Penso che la crisi di questa maggioranza sia molto profonda, devo dire che la TAV è un aspetto ma i dati economici, che anche in questi giorni si stanno continuamente riproponendo, disegnano un futuro molto preoccupante verso cui ci sta portando questo Governo e sono ancora preoccupanti della TAV.

A Milano si sta lavorando per incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici

pubblicato il .

A Milano si sta lavorando per incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici nel modo più efficiente possibile rispetto a quelli privati. La decisione di aprire anticipatamente le metropolitane va in questo senso. È giusto fare una sperimentazione e verificare se il costo di questa operazione è giustificato da un utilizzo adeguato e coerente. Questo sta nella logica di verificare di volta in volta quali sono gli orari in cui i mezzi pubblici vengono realmente sfruttati.
In merito alle proteste che si sono verificate in alcune zone della città in cui autobus o tram vedono anticipato l’orario del loro stop, penso che dovremmo chiederci se aveva un senso mantenere delle linee che venivano utilizzate pochissimo dopo alcuni orari quando, comunque, ci sono altri strumenti per fronte alle esigenze dei cittadini, come il car sharing o gli autobus a chiamata.

Condanniamo le minacce a Pisapia e Maran per gli alberi di Viale Argonne

pubblicato il .

Esprimo una ferma condanna per le minacce di morte rivolte all'assessore all'ambiente del Comune di Milano Pierfrancesco Maran e al sindaco Giuliano Pisapia per l'abbattimento degli alberi di viale Argonne, necessario per la costruzione della linea M4 della metropolitana. Quando il clima creato dalle pretestuose proteste del Movimento 5 Stelle e di sedicenti ambientalisti porta qualcuno a spingersi fino a questo punto bisogna riflettere tutti se non sia necessario smettere di fare propaganda, confrontarsi sul merito e abbassare i toni.
A tutela di assessore e sindaco speriamo che la magistratura scopra al più presto i responsabili e ci aspettiamo una netta presa di distanza da parte di chi in questi giorni ha esacerbato il conflitto su questo tema.

Alla maggioranza non interessa governare ma fare propaganda

pubblicato il .

Intervento a Radio Lombardia.

Insieme a Romeo della Lega, sono il firmatario dell’emendamento che ha consentito lo stanziamento delle risorse per il prolungamento della linea 5 della metropolitana da Milano e Monza. Il Movimento 5 Stelle si è aggiunto soltanto alla fine. Rivendico il fatto che è stata una scelta bipartisan molto richiesta da tutta la società milanese. Gli esponenti di M5S, anche milanesi e lombardi, avevano posto diverse resistenze su quest’opera; sono contento che siano state superate ma ora non si attribuiscano meriti eccessivi.

Ad oggi non si capisce quali siano le linee politiche di M5S, al di là di generici richiami ad uno sviluppo diverso. Non chiariscono le cose che stanno facendo o che vogliono fare.

Grillo specula sui morti ma M5S vota contro le soluzioni antinquinamento

pubblicato il .

Sullo smog, come su molte altre questioni, Grillo fa squallido sciacallaggio e specula sui morti. Poi però, ed è su questo che gli italiani devono riflettere, il Movimento 5 Stelle vota contro tutte le possibili soluzioni: contro il collegato ambientale e la legge di stabilità che contengono alcune misure in grado di contribuire a migliore la qualità dell'aria urbana, contro la chiusura del centro storico alle auto a Milano.
Il Pd è impegnato a tutti i livelli di governo a dare risposte strutturali al problema dell'inquinamento atmosferico. Fatti, contro le chiacchiere del M5S.

Il futuro dell'aeroporto di Bresso

pubblicato il .

Dopo l'atterraggio un sabato pomeriggio di un velivolo grande e rumorosissimo all'aeroporto di civile di Bresso, mentre il Parco Nord era vissuto da migliaia di persone, è stato giustamente lanciato un più che giustificato allarme. Quell'aereo trasportava nove passeggeri con i relativi bagagli. Quel l'atterraggio ci ha preoccupato, per la sproporzione tra le dimensioni dell'aeroplano e la piccola pista ma, soprattutto, perché c'era il rischio che quel l'atterraggio fosse il primo di una lunga serie e che il campo volo di Bresso - dopo che abbiamo impedito che diventasse l'hub di un servizio di trasporto elicotteristico - diventasse meta di un servizio di aerotaxi. Per questo si sono attivati subito i Sindaci dei Comuni del Parco Nord guidati da quello di Bresso, Ugo Vecchiarelli, e per questo ho subito presentato un'interrogazione al Ministero dei Trasporti per sapere se fosse cambiato qualcosa rispetto all'impegno precedentemente assunto da Enac a non aumentare il traffico nell'aeroporto. Ancora ho chiesto al Ministro di valutare se ci siano sufficienti misure di sicurezza per far atterrare a Bresso velivoli di quel tipo e di quelle dimensioni.
Dopo aver depositato l'interrogazione - e in attesa di una risposta - abbiamo approfondito la questione sia incontrando l'Ente Nazionale dell'Aviazione Civile insieme a Vecchiarelli, sia incontrando i dirigenti della Prefettura. I dati raccolti consentono di ricostruire il quadro sia per quello che riguarda l'immediato futuro sia per le questioni che ci consegna questa vicenda per evitare un utilizzo pericoloso e non compatibile con la collocazione del campo volo all'interno del Parco Nord, il cui equilibrio verrebbe sconvolto da una intensificazione di atterraggi e decolli.
Nell'immediato abbiamo verificato essere infondata l'ipotesi circolata secondo cui si sarebbe creato un servizio di aerotaxi in funzione di Expo con scalo a Bresso.