La legge sulla legittima difesa non risolve il problema della sicurezza

pubblicato il .

Intervento a Tagadà - La7 (video).

I processi li fanno i magistrati. Saranno le indagini a chiarire se ci sono o meno responsabilità sull’uccisione di un ladro avvenuta a Bazzano. Io dico che siamo di fronte ad una tragedia, anche per chi - come me - sta dalla parte della persona che ha sparato e che, dalle prime dichiarazioni che ha fatto, si è reso conto di aver tolto una vita e del dramma a cui andrà incontro.
Penso che il tema da affrontare sia quello che abbiamo posto: il diritto alla legittima difesa sempre e comunque, chiesto da Salvini, non ha risolto i problemi. Siamo di fronte ad un dato che lo conferma. Quella legge dà un messaggio di cui quel signore che ha sparato sta pagando le conseguenze. Il messaggio è stato quello di un allora Ministro degli Interni che aveva detto ai cittadini “dovete difendervi da soli perché lo Stato non è in grado di farlo”.
E, invece, ancora una volta si dimostra che non è armando le persone che si risolve il problema della sicurezza ma ci vuole più Stato.
Concordo, inoltre, con la dichiarazione del Sindaco di Bazzano perché dimostra che abbiamo discusso per due anni del fatto si sarebbe diventati più sicuri armando le persone mentre in realtà possiamo garantire la sicurezza in un alto modo e va fatto anche se non è semplice e non tutto si potrà risolvere brevemente.
Il punto, quindi, non è la legittima difesa ma come lo Stato garantisce la sicurezza dei cittadini.



Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive