Approvato l'emendamento al Decreto Agosto per il Villaggio Olimpico di Milano

pubblicato il .

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato l’emendamento 82.0.3 al Decreto Agosto che ho presentato per ridurre i tempi per la realizzazione del palazzetto dello sport di Rogoredo, del villaggio olimpico di Milano e delle infrastrutture connesse.
Due opere pubbliche, considerate essenziali nel dossier per le Olimpiadi 2026, finanziate dai privati.
Queste norme garantiranno che le opere si possano realizzare nei tempi necessari per ospitare i giochi invernali a Milano.

Testo dell'emendamento:

A.S. 1925

Em. 82.0.3 (testo 4)

Mirabelli, Alfieri, Ferrari

Dopo l'articolo 82, aggiungere il seguente:
«Art. 82-bis.
(Accelerazione procedure VIA per la realizzazione del Pala Italia Santa Giulia e del Villaggio Olimpico di Milano, nonché delle infrastrutture connesse, destinati alle Olimpiadi 2026)

Iter veloce per il villaggio olimpico a Milano

pubblicato il .

Procedura accelerata per la realizzazione del Villaggio Olimpico di Milano in vista delle olimpiadi invernali del 2026. Lo prevede un emendamento Pd - a mia prima firma - presentato al dl Agosto, in commissione Bilancio al Senato.
La proposta di modifica prevede che, se entro il 31 luglio 2021 non sia stato adottato il piano attuativo per la Zona speciale Porta Romana (quella in cui avrà sede il Villaggio), o in alternativa lo strumento urbanistico unitario, sarà obbligatorio per il soggetto proprietario dell’area di procedere presentare, entro il 31 ottobre dello stesso anno, il “permesso di costruzione convenzionato autonomo”.
In caso di ingiustificata inerzia da parte del soggetto proprietario, l’amministrazione competente potrà procedere all’esproprio dell’area stessa per fini di interesse pubblico. Lo stesso emendamento prevede anche il dimezzamento dei tempi burocratici per la procedure connesse alla Valutazione d’impatto ambientale (Via) per la realizzazione del Pala Italia Santa Giulia in vista dei Giochi Olimpici e paralimpici invernali di Milano Cortina 2026.
I tempi non potranno essere inferiori a 30 giorni e non superiori a 45 giorni.

Il G20 salute a Milano sarebbe un riconoscimento per la città

pubblicato il .

L’intuizione dei sindaci, Giuseppe Sala e Giorgio Gori, di candidare le due città lombarde, Milano e Bergamo, come sede del G20 Salute è ottima e sarebbe un riconoscimento per l’abnegazione mostrata dal personale sanitario nei lunghissimi mesi della pandemia.
Una proposta che riteniamo giusta e che ci impegneremo a sostenere convintamente nelle sedi parlamentari.
Milano e Bergamo hanno tutte le carte per ospitare il summit mondiale sulla salute come poli di eccellenza e avanguardia nei settori farmaceutico e sanitario, e perché vantano una rete vivace e attiva di volontariato”.I dem sottolineano che “non sfugge neanche il risvolto simbolico altrettanto importante.
La Lombardia è stata la Regione d’Italia più colpita dalla pandemia e arrivare a discutere – proprio in questo territorio – di come essere più pronti a livello globale ad affrontare altre crisi di questo tipo, sarebbe un modo per segnare che l’Italia è stata capace di reagire.

Tribunale dei Brevetti: è importante la candidatura ufficiale di Milano

pubblicato il .

È molto importante e positivo che il Governo abbia avanzato la candidatura ufficiale di Milano come sede del Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB).
I numeri parlano chiaro: la capitale lombarda detiene oltre il 20% dei brevetti nazionali e la Lombardia è la prima regione italiana per richieste.
Le funzioni della sezione di Londra vengono suddivise temporaneamente tra le sedi di Parigi e Monaco di Baviera.
La fase transitoria dovrà essere breve, una soluzione ponte: questa la condizione posta dal nostro Paese.
Il TUB dovrà avere in tempi brevi una nuova sezione specializzata: insieme al Governo è necessario uno sforzo comune, di tutte le forze politiche e sociali, per raggiungere l’obiettivo.
Oggi il primo passo è stato compiuto.