Moschea a Sesto? Da Di Stefano solo propaganda

pubblicato il .

È inutile che il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano racconti di aver impedito la costruzione di una mega moschea mai esistita.
Il sindaco porta avanti una battaglia che ha già perso al Tar e al Consiglio di Stato.
Forse, infatti, dimentica di aver dovuto destinare all’interno del Pgt l’area di via Luini, centro della convenzione in essere tra il Comune di Sesto e la comunità islamica, a luogo di culto.
Non avendo nulla di realizzato da presentare agli elettori sestesi, pensa di rifare la campagna elettorale di cinque anni fa su una questione che non ha saputo né affrontare né risolvere ma che divide inutilmente la città e ne discrimina una parte violando i diritti costituzionali.

Il Governo dia risposte a Milano

pubblicato il .

Oggi in Consiglio Comunale a Milano, il Sindaco Beppe Sala e l’assessore Conte hanno posto all’Esecutivo e ai Parlamentari questioni importanti a cui il Governo deve garantire risposte.
La ripartenza di Milano e della sua Città Metropolitana è decisiva per la ripresa di tutto il Paese e la necessità di garantire i livelli di servizi che aiutano le famiglie e le persone che più hanno bisogno è fondamentale per lo sviluppo sostenibile della città.
La fine dello stato di emergenza non comporta il ritorno per i Comuni alle entrate di prima della pandemia e in Parlamento occorre lavorare perché nella risoluzione che approverà il DEF sia chiaro che serve sostenere i Comuni di fronte agli aumenti delle bollette e delle materie prime ma anche per la riduzione delle entrate dalle attività che non sono ancora riprese a pieno regime.
Si può e si deve provare a intervenire sul Decreto che sarà fatto dopo Pasqua per liberare risorse anche in questo senso.
Tutto ciò tenendo conto che, se è necessario, uno scostamento di Bilancio da parte del Governo, per non dover tagliare i servizi, dovrà essere fatto.

Positivo l'impegno del Ministero della Cultura per realizzare un Politecnico delle Arti con le Scuole Civiche milanesi

pubblicato il .

È importante e positivo l’impegnò assunto dal Ministro Franceschini questa mattina alla inaugurazione dell’Anno Accademico delle Scuole Civiche milanesi, di realizzare, a partire da quelle eccellenze, con la partecipazione del Ministero un vero e proprio Politecnico delle arti.
Di fronte ai risultati importanti realizzati dalle Scuole Civiche milanesi, che non si sono fermate neppure durante la pandemia, è importante investire sul loro futuro per realizzare una nuova esperienza che valorizzi a livello nazionale queste esperienze.
La sinergia tra Fondazione, Comune e Ministero può dare anche così il senso che, dopo la pandemia, si può e si deve guardare avanti e serve investire su formazione e cultura.

Garantire più entrate al Comune di Milano

pubblicato il .

Intervento a Radio Lombardia.

In Parlamento abbiamo messo in campo alcune iniziative e abbiamo presentato alcuni emendamenti agli ultimi decreti per chiedere che le risorse in avanzo del Comune di Milano possano essere utilizzate per le spese sociali e educative.
Il tema è semplice e riconosciuto sia da questo Governo che da quello precedente: a Milano, con il lockdown per due anni, sono venuti a mancare introiti importanti che erano prima garantiti da SEA e ATM.
Con il lockdown, infatti, SEA ha praticamente azzerato i profitti e per ATM sono molto diminuiti. Il Governo ha riconosciuto questa situazione e ha previsto di stanziare risorse per coprire questi buchi.
Ora è finita l’emergenza ma non si è ancora tornati ai livelli di entrate precedenti e questo va riconosciuto, per cui bisognerà trovare il modo di garantire più entrate al Comune per fare in modo che possa continuare a garantire i servizi che Milano garantisce così bene sia sul settore educativo che sociale.

Rigenerazione urbana a Sesto San Giovanni

pubblicato il .

Intervento svolto all’incontro “Al centro della metropoli. Rigenerazione urbana a Sesto San Giovanni, idee per il futuro della città” organizzato dalla Fondazione Quercioli (video).

Farò il punto sulla Legge riguardante la rigenerazione urbana di cui sono Relatore al Senato.
Dopo un anno e mezzo di lavoro anche con il Ministero delle Infrastrutture, cercando di raccogliere tutte le esigenze dei diversi soggetti, dal mondo ambientalista agli amministratori, dai Comuni alle Regioni, siamo arrivati a un testo definitivo su cui convergono tutte le forze politiche presenti nella Commissione Ambiente del Senato.
Questo testo è frutto di un lungo lavoro; è molto utile e, nonostante il lavoro sia stato fatto tutto insieme al Ministero delle Infrastrutture, ci si scontra con difficoltà che vengono dalla ragioneria dello Stato o dal Ministero delle Finanze e che speriamo di superare in tempi rapidi.

Risorse per il prolungamento delle metropolitane milanesi

pubblicato il .

È stato approvato un mio Ordine del Giorno alla Legge di Bilancio che prevede che la progettazione del prolungamento della M3 nella direttrice Paullese sia tra gli interventi (insieme ai prolungamenti della M1, M2 e M4) che concorreranno all’assegnazione delle risorse presenti in Finanziaria destinate a promuovere la sostenibilità della mobilità urbana, anche mediante l’estensione della rete metropolitana a Milano.
L’Ordine del Giorno approvato, infatti, “impegna il Governo a prevedere esplicitamente, nel decreto del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile, da emanare entro il 28 febbraio 2022, che gli interventi finalizzati al prolungamento e all'estensione della rete metropolitana nella città di Milano riguardino tutte le linee metropolitane della città, ivi inclusa la linea M3 nella direttrice Paullese”.
L'estensione della direttrice M3 della rete metropolitana, in particolare, è un'opera di fondamentale importanza per garantire la sostenibilità della mobilità urbana sia nel capoluogo che nei comuni limitrofi.
Un prolungamento molto atteso dai cittadini, che permetterà di ridurre il numero delle auto che ogni giorno entrano in città da quel quadrante, diventando un’alternativa concorrenziale al trasporto su gomma.
Un’altra decisione importante è prevista in Finanziaria: lo stanziamento di risorse per l’acquisto di nuovo materiale rotabile che permetterà al Comune di Milano di integrare i mezzi sui percorsi di nuova attivazione.

Testo dell'Ordine del Giorno: