In Val d’Aosta si torni presto al voto

pubblicato il .

L'inchiesta della DDA di Torino che sta investendo la giunta della Valle D'Aosta conferma l'insediamento della ‘ndrangheta al Nord ma, se fossero dimostrate le ipotesi investigative, saremmo di fronte ad un salto di qualità senza precedenti nella capacità delle mafie di condizionare il governo regionale e le istituzioni.
Il fondato sospetto che in Valle d'Aosta siano stati gli interessi mafiosi a determinare le scelte della giunta, e non quelli dei cittadini e del territorio, è più che sufficiente per imporre l'azzeramento della giunta e il ritorno al voto. Ne va della credibilità delle istituzioni.
Ma questa vicenda conferma purtroppo la pericolosità della presenza della ‘ndrangheta al Nord e la necessità di considerare la lotta alle mafie una priorità che impone trasparenza nei comportamenti, attenzione e regole nella definizione delle candidature, la messa in campo di tutte le forme di prevenzione della corruzione nell'attività amministrativa.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive