La priorità deve essere garantire ai cittadini processi con tempi certi

pubblicato il .

Intervento a SkyTg24 (video).

C'è un principio costituzionale che dice che i processi devono avere una ragionevole durata. Noi, quindi, dobbiamo garantire che quel dettato costituzionale venga applicato.
La riforma Bonafede non basta.
Non stiamo discutendo solo di prescrizione: stiamo discutendo della riforma del processo penale. Di come accelerare il processo, di come ridurre i tempi burocratici e di come dare tempi certi ai processi.
Tutto questo oggi manca.
Con i 5S vogliamo discutere, oggi presenteremo nostre proposte al Ministro e a Presidente del Consiglio. Ma serve che prima che la riforma Bonafede entri in vigore tutta la maggioranza trovi un accordo e scriva un documento condiviso in cui si sancisca quali sono le riforme del processo penale che metteremo in campo.
Mi sembra che ci sia una grande disponibilità da parte nostra, dimostrata anche con il voto alla camera sul ddl Costa.
Noi vogliamo discutere con tutta la maggioranza, però oggi chiediamo a Bonafede e ai 5S di farsi carico del problema: deve esserci certezza dei tempi processuali.
Poi se si pensa che ci sia un problema che riguarda la pubblica amministrazione, i reati dei colletti bianchi, la corruzione, la concussione che hanno tempi di prescrizione lunghissimi,18-20 anni, affrontiamolo.
Ma la priorità deve essere quella di garantire ai cittadini processi con tempi certi, perché ogni processo che non arriva a termine è un fallimento dello Stato.

Video dell'intervento»


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive