Expo: il Rapporto Antimafia di Milano conferma la necessità di intensificare i controlli nei cantieri

pubblicato il .

I contenuti del Rapporto presentato oggi dal Comitato Antimafia del Comune di Milano, voluto dal Sindaco Pisapia, confermano la necessità di non abbassare la guardia nel contrasto alle infiltrazioni mafiose e di mettere in campo tutti gli strumenti possibili per impedire le presenze mafiose nei cantieri di Expo.
Ma oggi abbiamo avuto anche la conferma che i Comuni interessati da Expo stanno facendo fino in fondo la loro parte per contrastare le infiltrazioni. Gli accessi ai cantieri organizzati dalle polizie locali hanno consentito di verificare sul campo ciò che non è verificabile con le procedure attivate per il controllo preventivo delle società che operano in Expo, che pure hanno dimostrato con le oltre 40 interdittive di funzionare.

Primo Rapporto sulle Mafie al Nord della Commissione Antimafia

pubblicato il .

Questo è il Primo Rapporto Trimestrale sulle Aree Settentrionali, per la Presidenza della Commissione Parlamentare di Inchiesta sul Fenomeno Mafioso a cura dell'Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell'Università degli Studi di Milano (file PDF) presentato recentemente a Torino.
 
1.LA RICERCA: OBIETTIVI E METODO
1.1 Il rapporto e il gruppo di ricerca
Il presente rapporto costituisce il frutto di un lavoro di ricerca e analisi condotto, per incarico della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, istituita nella XVII legislatura con la legge 19 luglio 2013, n. 87, da un gruppo di ricercatori dell’Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano, istituito nel 2013 per raccogliere in un unico centro scientifico le competenze e le energie formatesi nell'ambito delle molte esperienze didattiche e di ricerca condotte presso l'ateneo.

Sisma a L'Aquila: monitoraggio periodico della Commissione Antimafia

pubblicato il .

Oggi in Commissione Antimafia abbiamo chiesto ed ottenuto di audire il Prefetto dell'Aquila per capire, anche alla luce della relazione della Dna, lo stato degli appalti per la ricostruzione. Negli scorsi mesi avevamo già ottenuto dal ministro Alfano l'assicurazione che per L'Aquila sarebbero stati adottati tutti i provvedimenti utilizzati per altri grandi opere, a partire dall'Expo 2015, per impedire le infiltrazioni della criminalità organizzata, controllare i cantieri e, preventivamente, i flussi di denaro che definiscono il patrimonio delle imprese coinvolte negli appalti. Si tratta di mettere in campo ogni provvedimento per garantire legalità e trasparenza, senza allungare i tempi di una ricostruzione già complessa. Così come stiamo monitorando l'andamento del controllo sulle altre grandi opere, vogliamo fare periodicamente lo stesso per L'Aquila.

Divieto di propaganda elettorale appartenenti associazioni mafiose

pubblicato il .

Relatore del Disegno di Legge n. 455 Disposizioni concernenti il divieto di propaganda elettorale per le persone appartenenti ad associazioni mafiose e sottoposte alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza (divieto di propaganda elettorale appartenenti associazioni mafiose).

Relazione svolta in Commissione Affari Costituzionali:


Il provvedimento, costituito di un unico articolo, è volto a modificare alcune disposizioni in materia di divieto di propaganda elettorale per le persone appartenenti ad associazioni mafiose e sottoposte alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, previste dal codice delle leggi antimafia, di cui al decreto legislativo n. 159 del 2011, al fine di superare criticità suscettibili di ostacolarne l'applicazione.