Intervento durante l’audizione del Capo della Polizia Pansa in Antimafia

pubblicato il .

Sono stato alla presentazione dell’ultimo protocollo su Expo a Milano e, visto che prima si è parlato degli appalti, mi domando se quel protocollo non possa essere esteso ad altre grandi opere ma, soprattutto, se contate che i sistemi informatici e la circolarità delle informazioni che si stanno mettendo in campo per quell’evento possono poi diventare utili anche rispetto alla certificazione antimafia più in generale.
Sempre su Expo, il Ministro in quella sede ha annunciato il blocco del turnover per un aumento di disponibilità delle forze di polizia in occasione di Expo. Credo che questo comporterà l’assunzione di nuovo personale e su questo volevo capire quali sono i tempi: questo aumento degli organici avverrà solo durante Expo o inizierà prima? Ci sarà un’opera di prevenzione che comincerà qualche mese prima? In questi mesi ci siamo spesso interrogati con diverse valutazioni rispetto allo spostamento del Dott. Linares dalla Questura di Trapani dove stava dando un contributo importante nella lotta alla mafia a Napoli. Chiarendo che i napoletani sono molto contenti di poter avere il Dott. Linares a Napoli, però, vorremmo capire se c’è qualche ragione che ci può dire che ha portato a questa scelta perché sarebbe utile saperlo.

Video dell'intervento»

Intervento in Commissione Antimafia durante l'audizione del Direttore dell'Agenzia dei beni sequestrati

pubblicato il .

Ringrazio il prefetto che ci ha già detto molte cose e ci ha dato anche utili suggerimenti. In queste settimane ci siamo imbattuti in alcune vicende che vorrei brevissimamente ricordare per porre due questioni.
La prima riguarda Novara, il Castello di Miasino. È struttura che è stata confiscata ma, essendo ipotecata, il Comune non ha potuto prenderla in carico. È stata data ad una società di gestione per farne un centro di rinfreschi ma, oggi, in questa società sono state rilevate consistenti quote da familiari della persona a cui è stata sequestrata la struttura. Vorrei capire se siamo indifesi o c’è un meccanismo che oggi consente di evitare queste cose o bisogna crearlo perché, ovviamente, all’inizio la società non era partecipata da persone legate alla criminalità organizzata ma poi però, in seguito, queste hanno rilevato le quote.

Intervento durante l'audizione di Maroni in Antimafia

pubblicato il .

Ringrazio il Presidente Maroni perché, oggi, abbiamo sentito da lui cose che, per chi ha fatto il consigliere regionale in Lombardia, non sono scontate. Mi pare che ci sia una consapevolezza da parte del Presidente che la situazione è grave, pericolosa per le infiltrazioni ‘ndranghetiste e l’invasività della criminalità organizzata nella nostra Regione e nella nostra economia.
Il Presidente ci ha ribadito cose che in diversi ci avevano già detto. Credo che sia apprezzabile lo sforzo che si è fatto a livello nazionale - e con un ruolo importante delle istituzioni milanesi e lombarde - per mettere l’Expo in sicurezza rispetto alle infiltrazioni negli appalti. Abbiamo studiato nel dettaglio le misure dei provvedimenti ed è bene che siano esportati anche su altre grandi opere, non solo per la Lombardia.
Tuttavia, vorrei partire dalla questione di Infrastrutture Lombarde che, a mio avviso c’entra non immediatamente con la criminalità organizzata, però mostra un problema generale che riguarda le società della Regione Lombardia.

Inchiesta di Roma: presto Alemanno in Commissione Antimafia

pubblicato il .

La Commissione parlamentare Antimafia convocherà presto in audizione l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno.
Non ci accavalleremo all'inchiesta in corso; come è nostra abitudine non ci sostituiamo ovviamente al lavoro della magistratura ma l'ex sindaco della capitale, dopo che abbiamo ascoltato il prefetto e il sindaco Marino, è doveroso sentirlo.
Quanto al possibile rapporto, ipotizzato da alcuni commissari dell'Antimafia, tra la vicenda Roma Capitale e la latitanza dell'ex deputato di Forza Italia Amedeo Matacena condannato in via definitiva a 3 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa e da tempo latitante, c'è di sicuro un rapporto tra la 'ndrangheta e Matacena come c'è un rapporto tra Mafia Capitale e 'ndrangheta ma questo non significa che c'è per forza un rapporto diretto tra Mafia Capitale e la vicenda Matacena. Ameno, gli inquirenti ascoltati in Antimafia hanno escluso questo legame.
Ci sono già elementi sufficientemente gravi non dobbiamo per forza inventarne altri.
Sulla vicenda della latitanza di Matacena, dobbiamo indagare anche in Antimafia e capire le eventuali responsabilità della missione diplomatica ad Abu Dhabi.