Approvata la legge sui reati contro il patrimonio culturale in Commissione Giustizia, ora il testo va in Aula

pubblicato il .

Questa mattina la Commissione Giustizia del Senato ha dato il via libera al disegno di legge riguardante i reati contro il patrimonio culturale.
Il provvedimento, licenziato in sede redigente, è quindi pronto per il voto dell’Aula dove si svolgerà una lettura veloce, dal momento che sarà votato solo il complesso della legge e non i singoli articoli.
La commissione ha approvato alcuni emendamenti, che ho presentato in qualità di Relatore, che ridefiniscono le pene pecuniarie per i delitti contro il patrimonio culturale, introducono le interdittive in caso di condanna e innalzano le sanzioni.
Queste modifiche comporteranno il ritorno del disegno di legge Franceschini-Orlando alla Camera per la terza lettura, dopo il primo via libera che Montecitorio ha dato nell'ottobre 2018.
Sui tempi di approvazione del provvedimento sono ottimista.
E’ possibile un rapido ok al Senato perché c’è la volontà unanime sia dei ministeri della Cultura e della Giustizia sia delle forze politiche di approvare un testo importante che aumenta le tutele del patrimonio culturale inserendo nel Codice Penale dei reati che oggi sono contenuti solo nel Codice dei Beni culturali.
Realisticamente, l'approdo in Aula della discussione può avvenire già la settimana prossima.
Noi ci stiamo provando a calendarizzarlo: la questione verrà posta alla Conferenza dei Capigruppo che dovrà stilare il calendario dei lavori.

Percorso della legge al Senato:

Inizio dell'iter in Commissione Giustizia»
Discussione del testo della legge in Commissione Giustizia»
Percorso svolto in Commissione Giustizia»
Conclusione del percorso in Commissione Giustizia»



Pin It

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive