Relatore in Commissione Ambiente del Decreto Rilancio

pubblicato il .

Relatore per la 13° Commissione del Decreto Rilancio - (1874) Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il provvedimento reca un articolato quadro di misure per il sostegno al sistema economico e produttivo, in relazione alla gestione della crisi connessa all'emergenza sanitaria da Covid-19 e alla grave situazione emergenziale determinatasi a seguito della medesima. Il provvedimento è stato approvato in prima lettura dalla Camera dei deputati; durante l’esame presso la Camera sono state inserite disposizioni aggiuntive.

Per i profili di interesse della Commissione, si segnala l'articolo 2, che reca disposizioni in materia edilizia, prevedendo la possibilità di eseguire le opere edilizie, strettamente necessarie a perseguire le finalità per il riordino della rete ospedaliera in emergenza COVID-19, in deroga alle disposizioni previste dal Testo unico dell'edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, delle leggi regionali, dei piani regolatori e dei regolamenti edilizi locali, prevedendo altresì, per le medesime opere edilizie, deroghe agli obblighi in materia di prevenzione incendi previsti dal decreto del Presidente della Repubblica n. 151 del 2011 fino al termine dello stato di emergenza (comma 13).

Il Governo dia parere favorevole al ddl sul Pet

pubblicato il .

Si è appena conclusa, con una opinione unanime di tutti i gruppi, la Commissione Ambiente al Senato sul Ddl sulle bottiglie di Pet riciclato.
Oggi in Italia se produci bottiglie riciclate devi usare almeno il 50% di materia vergine: una cosa insensata.
Contemporaneamente importiamo da altri paesi europei migliaia di bottiglie per bevande fatte con Pet riciclato al 100%.
Aggiungiamo che nel nostro paese abbiamo le eccellenze mondiali nella meccanica che progetta e costruisce i macchinari per produrre tali bottiglie di Pet riciclato al 100%, ma le dobbiamo vendere all’estero perché da noi non si possono usare.
Il Pet è di gran lunga la plastica per bevande ed alimenti più usata (in Europa si producono 115 miliardi di bottiglie all’anno).
In Senato è pronto il Ddl, firmato da tutti i gruppi parlamentari di maggioranza e opposizione e già incardinato in Commissione ambiente al Senato in sede legiferante. Pensiamo sia una occasione importante per fare quelle scelte di riconversione della nostra produzione industriale in direzione di quella svolta Green che l’Europa ci chiede e che come Pd abbiamo sollecitato.
È tempo di procedere senza perdite di tempo. Chiediamo al governo di seguire e facilitare l’iter.
Le previste minori entrate per lo Stato dalla “Tassa sulla plastica” dovute all’applicazione di tale norma, dimostra che tale tassa può spingere non a fare cassa, ma a riconvertire la produzione nell’ottica Green.
Si tratta di un ulteriore passo in direzione di quegli investimenti che possono rendere la nostra economia più sostenibile e moderna.

Disegno di Legge per favorire i processi di riciclaggio del PET utilizzato negli imballaggi per alimenti

pubblicato il .

La commissione Ambiente del Senato ha incardinato, in sede deliberante, il ddl A.S. n. 1745 Disposizioni per favorire i processi di riciclaggio del polietilentereftalato utilizzato negli imballaggi per alimenti di cui sono Relatore.
La 13a commissione ha poi deliberato che non svolgerà un ciclo di audizioni, fissando direttamente il termine per la presentazione degli emendamenti giovedì 28 maggio, alle ore 12.00.
Il provvedimento infatti nasce per iniziativa parlamentare del PD ma è poi stato sottoscritto da tutti gli altri gruppi, di maggioranza e opposizione. La sede deliberare permetterà alla Commissione di approvare direttamente il ddl senza passare dall'Aula.
Il ddl, di un unico articolo, stabilisce solo che le bottiglie in pet non devono più avere una percentuale minima di polietilente reftalato vergine, oggi fissata al 50%.
Il Governo dovrà provvedere a modificare, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, il decreto ministeriale 21 marzo 1973, dove la disposizione è contenuta.

Relatore del Documento di economia e finanza 2020

pubblicato il .

Relatore del (Doc. LVII, n. 3) Documento di economia e finanza 2020 e relativo annesso per la 13° Commissione e formulazione del Parere.

Da Relatore ho illustrato il documento di economia e finanza (DEF) 2020, per le parti di competenza della Commissione Ambiente facendo presente che lo stesso reca un nuovo quadro economico e di finanza pubblica, in considerazione degli effetti determinati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 e dalle esigenze ad essa conseguenti. Il nuovo quadro prevede una riduzione del PIL (in termini reali e non nominali) per il 2020, pari all’8,0 per cento, ed un incremento del valore nel 2021, pari al 4,7 per cento e un tasso di indebitamento netto delle pubbliche amministrazioni in rapporto al PIL pari al 10,4 per cento per il 2020 ed al 5,7 per cento per il 2021. I valori previsionali suddetti concernono solo l’anno in corso ed il 2021, in quanto il Governo ha ritenuto di avvalersi delle possibilità di semplificazione nella redazione dei Programmi di stabilità, possibilità ammesse dalla Commissione europea (con le Linee Guida del 6 aprile 2020) in considerazione dell’incertezza economica e finanziaria determinata dall’emergenza epidemiologica in corso, e delle relative azioni che gli Stati stanno svolgendo.