Il primo atto del Governo del cambiamento guarda al passato

pubblicato il .

Intervento in Senato per esprimere il voto contrario del suo gruppo PD al Dl sul riordino dei ministeri (video).

Signor Presidente, i colleghi del mio Gruppo, intervenuti in discussione generale e presentando la relazione di minoranza, hanno già illustrato bene le ragioni per cui voteremo contro la conversione in legge di questo decreto.
È il primo atto del nuovo Governo, del Governo del cambiamento. Forse bisogna cominciare a capire che il concetto di cambiamento non è neutro e non è necessariamente positivo, soprattutto se, come in questo decreto, consiste nell'interrompere esperienze che hanno dato e stavano dando risultati positivi, senza spiegarne le ragioni e senza spiegare come si vuole operare per raggiungere gli obiettivi di interesse pubblico che gli assetti che il Governo sta cancellando dovevano perseguire.
Insomma, in questa discussione non ci avete spiegato le ragioni della cancellazione delle unità di missione, dello spostamento del Ministero del turismo dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo al Ministero dell'agricoltura. Se questo decreto serve solo a dimostrare che si vuole segnare una differenza rispetto agli ultimi Governi, è una scelta debole e sbagliata.

Il Ministro della Giustizia intervenga sulla vicenda del Beccaria

pubblicato il .

Intervento in Senato (Video).

Intervengo in Senato in merito alla rivolta che è scoppiata stata sabato sera presso l’Istituto di pena minorile Beccaria di Milano.
È stato l’ennesimo episodio di violenza e di protesta.
Sono stati incendiati materassi e lenzuola; c’è stato un principio di incendio e sono stati portati al Pronto Soccorso 5 ragazzi detenuti e 3 agenti penitenziari.
Questo è l’ennesimo episodio di violenza che si è verificato nell’Istituto di pena, che da 15 anni non ha un Direttore e da 8 anni vive in una condizione di precarietà, perché la struttura è continuamente interessata da lavori di ristrutturazione.
Il Beccaria è l’unico istituto minorile di Milano e vi sono ospitati solo 25 ragazzi perché in quegli spazi non ce ne possono stare di più. Questo vuol dire che molti di loro, progressivamente, vedono interrompere il loro percorso dentro il Beccaria per essere spostati, senza colpa, lontano da Milano e dalle loro famiglie.

Il ricordo di Borsellino e della strage di Via D'Amelio

pubblicato il .

Intervento in Senato (video).

Credo sia non solo dovuto, ma giusto, anche dopo 26 anni, ricordare nelle Camere il sacrificio del giudice Borsellino e della sua scorta. Lei ha già citato tutti i componenti della scorta che hanno perso la vita, ma mi consenta di ricordare in particolare Manuela Loi, che è stata la prima donna in servizio in una scorta in questo Paese e purtroppo è stata anche la prima donna che ha perso la vita in servizio, facendo la scorta del giudice Borsellino.
In questi giorni, in queste settimane, sono stati fatti molti ragionamenti, si è discusso molto della sentenza dell'ultimo processo sulla strage di Capaci. Io voglio dire che quel processo - oggi possiamo dirlo - mette fine ad anni di inchieste, di depistaggi verificati, di falsi testimoni, di prove nascoste. Oggi siamo a una verità giudiziaria, probabilmente non basta ma oggi siamo a una verità giudiziaria.
Borsellino e Falcone sono stati servitori dello Stato, come gli agenti delle loro scorte, vittime di una stagione stragista in cui la mafia - ricordiamolo però - dopo il maxiprocesso, dopo che non si aspettava che tutti i suoi vertici sarebbero stati condannati in via definitiva (di questo attribuendo la responsabilità a Falcone), e mentre si stava costruendo la Direzione nazionale antimafia, che Falcone aveva voluto e che Borsellino, dopo la morte di Falcone, si apprestava a dirigere, ha attaccato lo Stato e le istituzioni nel momento in cui lo Stato dimostrava di volerla combattere.

Il Ministro della Giustizia risponda sulla questione dei finanziamenti della Lega sollevata dall'Espresso

pubblicato il .

Intervento in Senato (video).

Intervengo per sollecitare la risposta all'atto di sindacato ispettivo 4-00042, che abbiamo trasformato in un'interrogazione a risposta orale. In quell'atto ispettivo noi chiediamo al Ministro della giustizia di esprimere le proprie valutazioni su quanto riportato da alcuni organi di stampa e che è stato oggetto di un'inchiesta del settimanale «L'Espresso». Questi articoli prefigurano la possibilità che una serie di finanziamenti, provenienti tra gli altri da Esselunga e dal costruttore Parnasi, siano stati fatti ad associazioni legate alla Lega Nord, per evitare che un finanziamento diretto alla Lega, sui conti della Lega stessa, rientrasse nel provvedimento di sequestro di 48 milioni di euro disposto dal tribunale di Genova, per riportare ai cittadini ciò che è stato tolto loro per attività estranee alla finalità per cui quei soldi erano stati stanziati.
Noi insistiamo per capire se è vero che, prosciugati i conti della Lega, per evitare il sequestro, vi siano stati fondi significativi, come risulterebbe da quelle inchieste, dirottati su altri canali per essere comunque utilizzati.