Il voto di scambio oggi è un reato punito

pubblicato il .

A leggere quanto a scritto il senatore Giarrusso su facebook si comprende che, evidentemente, partecipa alle attività della Commissione Antimafia (in questi giorni in trasferta a Reggio Emilia e Modena) per combattere Renzi e non la mafia.
La legge che punisce per la prima volta il voto di scambio (inteso come voto in cambio di favori) funziona e un'interpretazione di un singolo caso specifico non cambia il giudizio sull'intera normativa.
Consigliamo a chi intende chiedere voti in cambio di soldi o favori di non farlo perché, nonostante ciò che racconta Giarrusso, saranno puniti.


La 'ndrangheta al Nord non spara perché non serve

pubblicato il .

La 'Ndrangheta al Nord non è meno pericolosa che al Sud.
Dalle relazioni audite in Commissione Antimafia in trasferta a Reggio Emilia è emerso che sono in grado di sparare, hanno arsenali, pistole, armi. Non lo fanno perché in questo momento non gli serve.
E' una mafia imprenditrice che può creare meno allarmismo sociale ma non deve essere sottovalutata, perché è in grado di sparare: se non lo fa è perché non ce n'è bisogno.


Regime di 41bis e situazione mense carcerarie

pubblicato il .

Intervento in Commissione Antimafia durante l’audizione di Santi Consolo (Capo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria)

Inizio con un augurio buon lavoro a Santi Consolo (Capo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) e di buona collaborazione.
Ho poi due domande:
1) Apprendiamo in queste ore dalle cronache, rispetto all'operazione sulla Camorra a Roma, che un intero pezzo dell’organizzazione criminale romana era diretta da un boss che si trovava in regime di 41bis. Sarebbe, quindi, utile capire quali sono i meccanismi che consento ad un criminale che si trova sottoposto ad un regime di isolamento e 41bis di continuare a svolgere le proprie attività illecite, così come è apparso dalle notizie pubblicate sui giornali riguardo al boss Pagnozzi che controllava tutta l’organizzazione camorristica nel Sud di Roma.
2) L’altra questione riguarda la scelta di non rinnovare alle cooperative di detenuti l’appalto sulle mense. A me interessa capire se la percezione dell’Amministrazione Penitenziaria rispetto agli importantissimi contributi che le Associazioni danno alla vita del carcere, ci sia anche l’idea che possano diventare un veicolo anche per cose meno belle e meno nobili o siano diventate strumenti per infiltrazioni all’interno del carcere da persone animate anche da ben altri interessi rispetto a quelli che appaiono.

Sfratti: niente proroga ma garantire il passaggio da casa a casa

pubblicato il .

Le risposte di Lupi in Commissione Ambiente sulla scelta del governo di non prorogare gli sfratti per finita locazione ci hanno soddisfatto. Abbiamo condiviso col ministro la convinzione che la proroga del blocco degli sfratti, che si ripete ormai dal 2007, non solo penalizza le proprietà ma non è neppure una soluzione per le famiglie a cui è scaduto il contratto. Allo stesso tempo il ministro ha riconosciuto le ragioni di chi, come noi, pensa che la condizione per evitare un'ulteriore proroga sia quella di evitare di lasciare in mezzo alla strada le migliaia di famiglie sotto sfratto e di lasciare da soli i comuni a gestire questa emergenza.
Prendiamo atto con soddisfazione della disponibilità del ministro ad assumere tutte le misure necessarie per stanziare nuove risorse al fine di garantire, oltre al diritto dei proprietari, anche quello alla casa di tante famiglie indigenti. In questo senso abbiamo fatto a Lupi alcune proposte che il Pd sosterrà in sede parlamentare e che vogliono garantire il passaggio da casa a casa per le famiglie sfrattate. In sostanza serve consentire agli sfrattati per finita locazione in situazioni di disagio la possibilità di accedere in via prioritaria all'edilizia residenziale pubblica e ai comuni di utilizzare subito i fondi della legge sull'emergenza abitativa per dare una casa a queste persone.