Ricordo di Fiorenza Bassoli

pubblicato il .

Intervento svolto in apertura degli Incontri Riformisti 2020 in videoconferenza.

Credo che sia importante ricordare Fiorenza Bassoli aprendo questa videoconferenza e credo che lo dovremo fare anche il prossimo anno, quando sicuramente gli Incontri Riformisti si potranno fare in presenza, superato questo brutto periodo. Penso che dovremo anche ragionare su cosa dedicare a Fiorenza Bassoli perché questo tradizionale lavoro delle tre associazioni comunque intitoli a lei una parte della propria esistenza.

Come ho già fatto in Senato, voglio ricordare che Fiorenza Bassoli è stata importante per molti. Ognuno di noi l’ha incontrata per ragioni diverse e abbiamo tutti conosciuto una persona schiva, apparentemente timida ma molto determinata e che ha sempre lavorato per cercare di affrontare e risolvere i problemi.
Fiorenza Bassoli era una riformista vera e voglio sottolineare che ha fatto questo costruendo una grande competenza sulla sanità.

Missione in Libia e impegno per i diritti umani

pubblicato il .

Intervento svolto alla videoconferenza "Missione in Libia e impegno per i diritti umani" (video).

Con Associazione Democratici per Milano abbiamo deciso di promuovere questo incontro, secondo noi importante e necessario perché crediamo che ci debba essere un confronto sul tema della missione italiana in Libia e su quali sono gli strumenti necessari e migliori per intervenire in quell’area, soprattutto per tutelare i diritti umani, per evitare che continui il massacro, che continuino le torture, che continuino ad esserci i lager.
Credo che sia necessario un confronto perché la discussione che si è sviluppata durante e dopo la votazione delle mozioni in Parlamento è a carattere di contrapposizione ideologica, in cui si rischia di perdere la complessità della questione che abbiamo di fronte e in cui si rischiano di perdere anche le ragioni della scelta che ha fatto il Parlamento.
Quella del Parlamento è sicuramente una scelta che si può non condividere ma ha delle ragioni precise e con queste bisogna confrontarci, così come bisogna confrontarsi con i temi che vengono posti da chi, in particolare nel mondo cattolico, non condivide la scelta che abbiamo fatto di rinnovare la missione in Libia.

La nuova Europa tra l’Italia e il mondo

pubblicato il .

Intervento di saluto alla videoconferenza organizzata da Associazione Democratici per Milano sul tema “La nuova Europa tra l’Italia e il mondo” con Marina Sereni, Patrizia Toia, Luca Jahier, Simone Romagnoli, Lucia Gullà (video).

In questo momento, con quello che sta succedendo, credo che sia molto interessante discutere di Italia, di Europa e di mondo. Soprattutto, è molto importante farlo con Marina Sereni, che dal Ministero degli Esteri ha l’occhio a tutto campo, e con chi è impegnato in Europa in questi mesi per portare a casa importanti risultati come il Recovery Fund e la scelta dell’Europa di esserci finalmente in un momento di difficoltà e di ricostruirsi.

Video dell'intervento»

Video della diretta»

Coronavirus: i tragici errori della Lombardia e i cambiamenti necessari

pubblicato il .

Intervento svolto alla videoconferenza "Coronavirus: i tragici errori della Lombardia e i cambiamenti necessari" con Beatrice Lorenzin, Carlo Borghetti e Emilia De Biasi (video).

In Parlamento ci sono state un po’ di discussioni anche accese sulla Lombardia e, in particolare, sulla sanità lombarda. C’è stato anche uno spiacevole intervento di un parlamentare di M5S che ha attaccato la Lombardia e i lombardi in maniera scriteriata, consentendo alla Lega di fare un po’ di vittimismo. Credo, però, che su questa vicenda occorra anche fare un po’ di chiarezza.
Salvini, in Senato, ha detto che ama la Lombardia ma non credo che sia un bel modo di amare la Lombardia quello di nascondere la realtà.
La realtà è che in questa Regione la percentuale di morti è stata la più alta d’Italia ma anche d’Europa e, quindi, qualcosa non ha funzionato sul modo di curare i malati e questa discussione va affrontata, non per gettare la croce addosso a qualcuno ma perché bisogna evitare che si ripeta.
C’è stata anche un’intervista a Formigoni in cui l’ex Presidente lombardo scarica su Fontana la responsabilità di non aver attivato immediatamente la sanità privata per assistere i malati e ha attaccato Maroni dicendo che è stato lui a cancellare la sanità territoriale in Regione e, quindi, ha una responsabilità molto forte rispetto a quello che è successo.