Confrontiamoci su come velocizzare processi

pubblicato il .

Nel corso dell’audizione del ministro Bonafede in Senato, ho condiviso la necessità di velocizzare i processi penali e civili, trovando anche altri strumenti, nella certezza del diritto per i cittadini.
Ho avanzato due proposte su cui aprire un confronto per alleggerire la macchina della giustizia: la possibilità che il Procuratore generale avochi quei processi che procedono troppo lentamente e quella che i processi per alcuni circoscritti reati minori possano estinguersi dopo il proscioglimento in primo grado.
Ho sottolineato poi la necessità, nell’ambito dell’assunzione di personale di cui ha parlato lo stesso ministro, di dare priorità ai dirigenti degli istituti penitenziari, ora purtroppo costretti a guidare più carceri, sia per adulti che per minori.

Il mercato della pubblicità esterna tra opportunità e vincoli

pubblicato il .

Intervento al convegno "Il mercato della pubblicità esterna tra opportunità e vincoli" (video).

Penso che i politici debbano provare a fare le cose, ascoltando e confrontandosi con gli operatori dei vari settori.
Dall’incontro “Il mercato della pubblicità esterna tra opportunità e vincoli” abbiamo imparato alcune cose e si può discuterne per capire cosa proporre per affrontare le questioni che sono state poste.
Molte delle questioni che sono state poste sono legate ad un contesto generale.
Il mercato della pubblicità non è calato: gli stanziamenti per la pubblicità da parte delle imprese non sono diminuiti in generale, nonostante la crisi, ma la pubblicità esterna e in particolare la cartellonistica hanno subito un restringimento. Probabilmente questa situazione è legata anche al fatto che le detrazioni fiscali del 75% che vengono garantite a chi fa pubblicità su giornali e tv (dove finisce gran parte della pubblicità) non sono previste per la pubblicità esterna. Se queste detrazioni fiscali del 75% venissero estese anche alla cartellonistica potrebbero essere utili. Ovviamente, occorre prima capire quanto costerebbe questa operazione e se è possibile farla. Questa verifica si può anche fare rapidamente.

Sbloccare il Fondo delle Vittime di Mafia per pagare gli avvocati

pubblicato il .

Intervento in Senato (video).

Intervengo per chiedere al Ministero degli Interni di avere risposta all’interrogazione pubblicata il 18 luglio 2019, atto n. 3-01046.
Credo, infatti, che sia urgente una risposta e un intervento del Ministero degli Interni.
L’interrogazione tratta del Fondo Nazionale a favore delle vittime di mafia, che consente alle vittime della mafia, ma anche ai soggetti che si costituiscono parte civile, di poter avere avvocati che hanno la sicurezza e la certezza di essere pagati alla fine del procedimento direttamente da questo Fondo istituito dal Ministero della Giustizia.
Il 18 gennaio 2019, il Comitato di Indirizzo ha presentato una circolare che di fatto ha bloccato retroattivamente i Fondi e il pagamento degli avvocati che assistono sia i Comuni che le associazioni antiracket che si costituiscono parte civile.
È evidente che o si ristabilisce la norma - cioè la possibilità di attingere al Fondo - affinché gli avvocati possano ricevere il pagamento certo da parte dello Stato oppure si rischia che sia le associazioni antiracket sia gran parte dei Comuni di piccole dimensioni non possano più costituirsi parte civile, indebolendo la presenza dello Stato e della società civile nei processi per mafia.

Il nuovo Governo nasce per servire il Paese

pubblicato il .

Intervento in Senato durante la discussione per la fiducia al Governo Conte Bis (video).

Signor Presidente, onorevole Presidente del Consiglio, abbiamo apprezzato il fatto che lei abbia indicato nella sua relazione non i contenuti di un contratto ma le idee e gli obiettivi comuni su cui si costituisce un Governo che serve e servirà al Paese; che nasce per questo, per servire il Paese.
Noi non staremo al Governo con l’obiettivo di prendere “tutto il potere” anche se sento che chi dice queste cose ci dà lezioni di democrazia.
Noi non staremo al Governo per alimentare una campagna elettorale permanente che agita i problemi degli italiani anziché risolverli.
Questo Governo è sostenuto da forze certamente diverse che accettano insieme la sfida delle riforme e di dare risposte al Paese.
Nei prossimi anni, nessuno di noi, si concentrerà su quando è meglio staccare la spina per poter ottenere più consensi, com’è successo nei mesi scorsi, pensando solo al proprio partito o al proprio potere personale.
Ci dedicheremo a cercare insieme la soluzione ai problemi.
La fase in cui qualcuno ha pensato di stare al Governo facendo insieme maggioranza e opposizione è finita: deve essere finita perché ha già fatto troppi danni al Paese.