Tutele dei magistrati onorari ed efficienza degli uffici giudiziari

pubblicato il .

Ho presentato il Disegno di Legge Atto Senato n. 1555 - Modifiche alla legge 28 aprile 2016, n. 57 e al decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116, in materia di tutele dei magistrati onorari ed efficienza degli uffici giudiziari del giudice di pace e del tribunale (file PDF).

Relazione:

Il disegno di legge mira ad apportare modifiche al decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116, recante riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace, nonché disciplina transitoria relativa ai magistrati onorari in servizio, a norma della legge 28 aprile 2016, n. 57.
Lo stesso Consiglio superiore della magistratura ha affermato che il citato decreto presenta notevoli criticità sotto il profilo applicativo – i primi commentatori hanno evidenziato alcuni profili di illegittimità costituzionale, dovuti in alcuni casi ad un eccesso di delega – , non risponde alle esigenze della magistratura di pace ed onoraria su cui grava il 65 per cento dell'intero contenzioso del nostro Paese e pone a rischio il funzionamento del sistema giustizia.

Ora una commissione d’inchiesta contro le fake news

pubblicato il .

“La chiusura di 23 pagine Facebook di fake news è la conferma del pericolo. E’ possibile manipolare il consenso grazie alla diffusione di false notizie. Per questo è necessario istituire una Commissione di inchiesta che possa indagare sui casi di diffusione seriale e massiva delle fake news attraverso i social network. Tale organo parlamentare dovrebbe proporre soluzioni di carattere legislativo al fine di realizzare la più adeguata prevenzione e il più efficace contrasto alle false notizie”.
E’ il testo del disegno di legge che sarà depositato nelle prossime ore dai senatori Pd, a prima firma del capogruppo Andrea Marcucci e sottoscritto dai senatori Franco Mirabelli, Matteo Renzi, Bruno Astorre, Simona Malpezzi, Valente, Parrini, Sudano, Boldrini, Margiotta, Fedeli, Garavini, Marino, D’Alfonso, Stefano, Messina, Misiani, Iori, Pittella, Bellanova, Faraone, Biti, Cucca, D’Arienzo, Cirinna, Vattuone, Patriarca, Sbrollini, Verducci, Grimani, Ferrari, Ginetti, Magorno, Rojc, Rossomando, Ferrazzi e Parente.

Misure per il sostegno e il rilancio delle politiche abitative di edilizia residenziale pubblica e sociale

pubblicato il .

Ho presentato in Senato il disegno di legge A.S. n. 975 in materia di Misure per il sostegno e il rilancio delle politiche abitative di edilizia residenziale pubblica e sociale.

Testo del DDL (file PDF)»

Relazione introduttiva:

La mancanza di una politica che agisca strutturalmente nel settore abitativo e di risposte che nel tempo si sono succedute solo sporadicamente, con risorse scarse e senza interventi programmati, mostrano con evidenza come siano oggi in discussione il welfare abitativo e le politiche sociali della casa, contestualmente alle generali politiche sociali. Il problema è reso più grave dagli effetti di una crisi che fa sentire i suoi effetti e con una spirale recessiva ancora presente. Questa ha prodotto un'erosione dei redditi di cittadini e un aumento delle disuguaglianze, acuendo difficoltà economiche e disagio abitativo.

Evitare lo scioglimento anticipato dei consigli provinciali

pubblicato il .

Intervento in Senato in dichiarazione di voto favorevole per il gruppo PD agli emendamenti al decreto milleproroghe con cui si chiede di non anticipare l'interruzione della legislatura dei Consigli provinciali in carica (video).

Signor Presidente, intervengo per dichiarare il voto favorevole del mio Gruppo sull'emendamento 1.5 e sugli altri identici.
Il Ministro dell'interno ha recentemente dichiarato la sua volontà di istruire al più presto un percorso per modificare gli assetti delle Province e riformare gli Enti Locali. Questo percorso avrebbe bisogno di tempo.
Il testo del mille proroghe anticipa invece le scadenze elettorali, costringendo diversi Presidenti e Consigli ad interrompere la legislatura anche alcuni mesi prima che sia finito il loro mandato, anticipando di fatto la scadenza elettorale.
Troviamo incomprensibile questa scelta. Siamo d'accordo con l'Unione delle Province italiane sul fatto che tale scelta dovrebbe essere rigettata e voteremo a favore di questi emendamenti per questa ragione.

Video dell'intervento»