Fare chiarezza sull'utilizzo dei fondi pubblici da parte della Lega

pubblicato il .

Sull’inchiesta in corso su presunti fondi alla Lega il Pd al Senato ho presentato una interrogazione al Ministro per gli affari regionali e le autonomie. Nel testo, a mia prima firma, una serie di premesse ricostruiscono, attraverso le notizie dei media, le tappe dell’inchiesta, ricordando che “dal 16 luglio scorso sono indagati dalla procura di Milano Antonio Di Rubba, ex Presidente della fondazione Lombardia Film Commission, Andrea Manzoni - rispettivamente revisore contabile del Gruppo parlamentare della Lega del Senato e direttore amministrativo del Gruppo parlamentare della Lega della Camera dei deputati - e Michele Scillieri, amministratore della Futuro Partecipazioni, società cui erano intestate le quote della società Andromeda, nonché titolare dello studio dove era stata registrata la “Lega per Salvini Premier” e che “il 14 luglio scorso, Sostegni (considerato dai pubblici ministeri “la testa di paglia” di Scillieri) è stato fermato dalla Guardia di finanza poco prima di incontrare Scillieri e di partire alla volta del Brasile, accusato anche di estorsione perché avrebbe minacciato lo stesso Scillieri, Di Rubba e Manzoni, di rivelare il loro ruolo nella compravendita in questione chiedendo, in cambio del suo silenzio, altri 30.000 euro dei 50.000 che gli sarebbero stati promessi”.

Contrastare il rischio di infiltrazioni mafiose nelle misure per il riavvio delle attività produttive

pubblicato il .

Intervento in Senato durante il Question Time con il Ministro dell'Interno Lamorgere per la presentazione di un'interrogazione sui rischi di infiltrazione mafiosa in occasione delle misure per la ripresa economica nell'emergenza da Coronavirus (video).

In queste settimane, molte fonti, molti Procuratori della Repubblica, associazioni antimafia, associazioni che combattono l’usura e la stessa Banca d’Italia hanno denunciato un allarme sulla possibilità che le mafie sfruttino questo momento di crisi economica prodotta dal coronavirus per infiltrarsi e assumere maggiore forza nel nostro Paese.
Ci sono concreti rischi, lo sappiamo.
Principalmente c’è il rischio che le mafie realizzino un sistema di assistenza alternativo a quello dello Stato sui territori più in difficoltà.
C’è il rischio che il traffico di persone venga utilizzato in carenza di manodopera nei terreni agricoli. C’è il rischio che le mafie si impossessino di imprese, mettendo molto denaro - che possiedono grazie ai loro traffici illeciti - nell’economia legale.
C’è il rischio che le mafie si candidino ad acquisire gli appalti della prossima ripartenza.