Un Ordine del Giorno per il prolungamento della Metropolitana a Paullo

pubblicato il .

Con tutti i partiti che compongono la maggioranza al Governo, abbiamo presentato un Ordine del Giorno in Senato con l’obiettivo di realizzare il prolungamento della metropolitana MM3 fino a Paullo.

Il suddetto ODG impegna il Governo:

"a valutare la compatibilità dell'opera di cui in premessa con i requisiti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ai fini dell'inserimento della medesima opera tra i progetti da realizzare con le risorse del Piano, o comunque ad individuare nei prossimi provvedimenti le risorse finanziarie necessarie a garantire la realizzazione del prolungamento fino a Paullo della linea M3 della metropolitana di Milano".

Lavoriamo ad una legge per evitare delocalizzazioni

pubblicato il .

Intervento in Tv a 7Gold (video).

La vicenda Whirlpool è molto seria, ci si sta occupando anche in Europa di questo perché è un problema complessivo del Continente.
A seguito della vicenda Whirlpool, insieme a Ruotolo e ad altri senatori, abbiamo presentato una proposta di legge proprio per ridurre la possibilità per le aziende che sono in Italia e che ottengono anche benefici dallo Stato di potersi trasferire all’estero senza pagare un prezzo alto che possa andare a ristoro dei lavoratori.
Ci stiamo lavorando e so che ci sta lavorando anche il Governo.
Il problema di Whirlpool, soprattutto nella realtà napoletana, è molto significativo.

Testo del disegno di legge» - Scheda del disegno di legge»
Video dell'intervento»

Dal PD pochi emendamenti al Decreto Avvocati per favorire una rapida approvazione

pubblicato il .

Il Pd ha depositato 9 emendamenti al decreto sull’esame per gli avvocati.
Pochi emendamenti per favorire una rapidissima conversione senza rinunciare a rappresentare alcune delle istanze che vengono dalle associazioni dei giovani avvocati.
Abbiamo presentato una proposta perché siano redatti dal ministero 500 quesiti per ciascuna delle materie oggetto della prima prova e una per videoregistrarla, per trasparenza ed evitare futuri ricorsi.
Altri emendamenti intervengono sui tempi dell’esame e le materie con piccole modifiche.
Lavoriamo per consentire che l’esame si svolga ad aprile assicurando, nell’interesse di chi lo sosterrà, serietà e trasparenza.

Approvati emendamenti al Decreto Ristori per ridurre la popolazione carceraria

pubblicato il .

Ieri sera le Commissioni Bilancio e Finanze del Senato hanno approvato tre degli emendamenti che avevamo presentato al Decreto Ristori per migliorare le misure già previste per ridurre la popolazione carceraria di fronte a una condizione di sovrappopolazione che rischia di favorire la diffusione del Covid. Emendamenti proposti e sostenuti da molte associazioni, operatori e garanti, gli stessi soggetti che hanno lanciato in queste settimane l’allarme sui rischi di contagio che corrono detenuti, agenti e operatori negli istituti italiani.
In sostanza i tre emendamenti posticipano dal 30 dicembre al 31 gennaio, alla fine dello stato di emergenza, la scadenza delle norme già previste dal Decreto, compresa quella che consente di ottenere gli arresti domiciliari a chi deve scontare meno di 18 mesi e, soprattutto, si consente di restare “fuori” dal carcere fino al 31 gennaio ai detenuti che già hanno il permesso per lavorare all’esterno o altri permessi premio.
Così per 1.300 persone si apre la possibilità di non tornare a dormire in carcere.
È un risultato certamente inferiore a quello che volevamo ottenere ma, certamente questi emendamenti sono migliorativi.
Abbiamo insistito fino all’ultimo perché venissero approvati il rinvio dell’esecuzione delle condanne passate in giudicato per diminuire i nuovi ingressi e l’aumento di 30 giorni ogni 6 mesi dello sconto di pena per la buona condotta (oggi di 45 giorni).
Su questi emendamenti oltre alla contrarietà delle opposizioni non abbiamo ancora trovato un accordo in maggioranza.