Greta e i ragazzi del Fridays For Future chiedono di garantire il futuro

pubblicato il .

Intervento a SkyTg24 (video).

È in atto una crisi profondissima di qualunque organismo di governo del mondo. Ci sono anche delle responsabilità per questo.
Quello che chiede Greta, i ragazzi del Fridays For Future e chiunque abbia buon senso è di tutelare e garantire il futuro, mettendo in campo le azioni che servono a questo.
C’è un pezzo di politica che governa Paesi importanti, come Russia e Stati Uniti, che invece pensa che il compito sia quello di gestire l’attuale e ottenere il più possibile da quello che c’è oggi e non porsi il problema del futuro o negare che ci sia un problema rispetto al futuro.
Questo è un grande tema su cui riflettere e su cui prendere le misure e su cui c’è bisogno di una reazione delle persone, anche nei comportamenti delle persone.

Greta a Torino ci ricorda che il momento di agire è ora

pubblicato il .

La presenza di Greta Thunberg al Friday's for Future a Torino ricorda a tutti noi che anche i nostri giovani sono mobilitati per il loro futuro e che il momento per agire è ora.
La Commissione Ue ha lanciato un Green new deal ambizioso per la neutralità climatica entro il 2050.
Come maggioranza abbiamo approvato il decreto sul clima e dobbiamo continuare a impegnarci in questa cornice europea.
Ora l'Italia deve dichiarare lo stato di emergenza ambientale.
Le ragazze e i ragazzi hanno ragione, dobbiamo passare dalle parole ai fatti.

L'Italia ha grandi risorse e potenzialità

pubblicato il .

Intervento in Tv a 7Gold (video).

La denuncia fatta dalla Iene sui rifiuti a Roma è vera: la situazione è drammatica ma questo non è ciò che avviene in tutto il Paese. Sui giornali oggi c'è la classifica dei Comuni più virtuosi rispetto alla raccolta differenziata, che è un tema su cui si sta lavorando e su cui l'Italia è tra i migliori Paesi del mondo. Quando si riescono ad organizzare le cose, poi i cittadini si assumo la responsabilità di fare bene. L'Italia, quindi, non è tutta un disastro e continuare a dire questo non aiuta ma, anzi, spesso spinge ad accontentarsi delle situazioni, comprese quelle che vanno cambiate. L'Italia ha grandi risorse e potenzialità.

Ripristinare le strutture per interventi sul dissesto idrogeologico

pubblicato il .

Intervento in tv a 7Gold (video).

Solo tra Liguria e Piemonte in questi giorni si sono verificate circa una cinquantina di frane; la situazione diffusa nel Paese mostra che il dissesto idrogeologico rende l’Italia molto a rischio. Per troppo tempo, negli anni ’60, ’70, ’80, abbiamo ferito il nostro territorio costruendo molto e senza guardare alla necessità di tutelare il territorio. Oggi il rischio, anche con i cambiamenti climatici che hanno portato ad avere piogge più frequenti e molto abbondanti, è che il nostro territorio, già indebolito dal fatto che è stato poco curato, crei questi problemi. Dobbiamo sapere, dunque, che abbiamo di fronte anni in cui i cambiamenti climatici continueranno e noi dobbiamo fare investimenti sul futuro. L’anno scorso è stata tolta l’unità di missione che si stava occupando proprio del dissesto idrogeologico: questa non è stata una mossa lungimirante. Ora, i fatti di questi giorni mostrano chiaramente che bisogna ripristinare le strutture dedicate agli interventi sul dissesto idrogeologico. Abbiamo di fronte anni in cui i cambiamenti climatici continueranno e, quindi, dobbiamo investire per sistemare il nostro territorio.