mirabelli

Seveso: dal Governo in arrivo risorse per realizzare la vasca di Senago

Intervista per il mensile Zona Nove di Settembre.

Subito dopo la prima della lunga serie di esondazioni che hanno segnato l'estate milanese, lei è intervenuto in Senato per chiedere di assumere al più presto i provvedimenti necessari a evitare il ripetersi degli allagamenti a Niguarda. A che punto siamo?
Ho chiesto al governo di intervenire perché si realizzino, senza più altre perdite di tempo, le cose già previste e finanziate, a partire dalle vasche a Senago e dalla sistemazione dello scolmatore di Nord Ovest, ma che da anni vengono rinviate. Ho anche chiesto interventi straordinari per pulire le acque del Seveso, condizione necessaria per ridurre l'impatto delle vasche di laminazione. Il governo - con la task force appena istituita per combattere il dissesto idrogeologico - si è già attivato, ha messo a disposizione risorse per accelerare la realizzazione della prima vasca a Senago e ha annunciato finanziamenti per la pulizia del Seveso.
Sulle vasche di laminazione - in particolare a Senago - c'è discussione e si riscontra la contrarietà di molti. Lei, invece, insiste perché il progetto si realizzi. Perché?

Lombardia 2020, la mobilità del domani

Intervento alla Festa dell'Unità 2014 di Milano

Credo che il confronto con il Ministro Lupi e l’assessore Maran sia utile per fare il punto sulla situazione della mobilità a Milano e in Lombardia.
Guardando l’aspetto positivo, rispetto a qualche anno fa, abbiamo una linea della metropolitana in più, c’è la BreBeMi, si sta completando la Pedemontana, ci sono altre opere in cantiere e si sta lavorando per garantire – anche in vista di Expo ma soprattutto per i cittadini milanesi, per l’aerea metropolitana milanese e per la Lombardia – un’efficienza del trasporto pubblico e privato sempre migliore. Ricordo, inoltre, che dentro a questa serie di opere innovative che sono state già realizzate c’è anche il Passante Ferroviario di Milano, che oggi funziona a pieno regime e ha migliorato di molto il trasporto ferroviario passeggeri. Ci sono ancora dei problemi per i pendolari, però, si sono aperte nuove stazioni, le linee suburbane funzionano meglio che in passato e credo che, in questi anni, siano state realizzate opere che hanno migliorato la mobilità all’interno dell’area metropolitana milanese.
Di tutto ciò bisogna darne un riconoscimento anche all’assessore Maran perché, se oggi la mobilità all’interno della città di Milano è migliorata, è sicuramente merito della nuova metropolitana e delle nuove infrastrutture ma dipende anche da una scelta come quella dell’Area C, che ha avuto un impatto fortissimo in termini di diminuzione dell’ingresso delle auto a Milano.

Intervento nella discussione delle leggi europee

Intervento in Senato nella discussione generale congiunta sulla legge di delegazione europea 2013-secondo semestre (ddl n. 1519) e sulla legge europea 2013-bis (ddl n. 1533) - video.

Dopo aver ringraziato i Relatori, la Commissione e il Presidente per il lavoro svolto, vorrei provare a fare un breve ragionamento. Parto da due premesse, alla luce della discussione che si è svolta oggi nell’Aula del Senato.
La prima premessa riguarda il contesto europeo di relazioni, gli assetti che si sono definiti e si stanno definendo in questi giorni e in questi mesi e riguarda la Comunità Europea. Questo contesto può essere banalizzato, come è stato fatto in molti interventi in Senato o si può proseguire a dare una rappresentazione caricaturale del modo in cui l’Italia sta nella Comunità Europea e nelle istituzioni europee o del modo in cui l’Italia viene considerata e viene vista nelle istituzioni europee.
Io, invece, voglio rispondere a questo ricordando che, in questo Parlamento, tutti avremmo l’interesse a considerare ciò che è innegabile e cioè che le nomine di questi giorni e la discussione di questi giorni nelle istituzioni europee ci parlano di un’Italia che ha contato, ha dato un contributo forte, ha determinato le scelte che sono avvenute più che nel passato e dovremmo essere tutti contenti di questo.