mirabelli

La casa e la Legge di Stabilità

In queste settimane, in sede di discussione della Legge di Stabilità 2016, il Governo ha già chiarito che saranno diversi gli interventi che riguardano la casa e che saranno volti soprattutto a ridurre il carico fiscale e incentivare la ripresa di un settore, decisivo per la nostra economia e per la costruzione di nuovi posti di lavoro, come quello dell'edilizia.
I dati registrati in questi ultimi mesi che parlano di un Prodotto Interno Lordo che è tornato a crescere per due trimestri consecutivi dopo che per tredici la nostra economia aveva perso posizioni.
A partire da questo, il Governo ha deciso di aumentare le aspettative di crescita potendo così investire più soldi per la crescita.
Ma ci sono altri dati positivi di queste settimane dall'aumento della produzione industriale alla crescita dei consumi interni, dall'aumento delle esportazioni all'aumento di oltre l'80% dei mutui rispetto allo scorso anno.

Le mafie, l'informazione e i Casamonica

Abbiamo chiesto, dopo l'intervista a Porta a Porta dei Casamonica, che vengano in Commissione Antimafia i vertici della Rai ma anche i vertici dell’Ordine dei Giornalisti perché la vicenda della trasmissione di Bruno Vespa, con annesse polemiche, è stata quella più eclatante però, anche nei giorni precedenti, sono stati diversi i conduttori che hanno deciso di esibire in televisione la famiglia dei Casamonica. Personalmente, credo che non si tratti di condannare nessuno ma una riflessione, comunque, va fatta, anche sulla percezione che si ha di alcuni fenomeni.
Nel Lazio, i Casamonica e gli Spada non sono stati considerati organizzazioni criminali che agiscono con metodi mafiosi da decenni ma come una sorta di fenomeno folkloristico, quando in realtà sono davvero un’organizzazione mafiosa pur non essendo né ‘ndrangheta, né camorra, perché agiscono con dei metodi intimidatori, praticano l’usura, controllano il territorio.

Per una società senza mafie

Intervento alla Festa nazionale PD sulla Giustizia a Firenze (video).

In questi due anni, con la Commissione Antimafia abbiamo cercato di studiare e di capire meglio cosa sono le mafie al Nord, approfondendo le inchieste in corso.
Al Nord si ha prevalentemente la ‘ndrangheta, che è molto forte e non è tanto interessata agli appalti pubblici ma mira a infiltrarsi nell’economia legale, soprattutto in Emilia, Lombardia e Piemonte perché ci sono i soldi.
Gli studi che abbiamo fatto sulle mafie smentiscono il modello che tutti avevano in mente dell’uomo che arriva con la valigetta piena di soldi da riciclare nella finanza. C’è anche questo ma, in prevalenza, la scelta appare quella di usare i metodi mafiosi per riuscire a condizionare l’economia privata.