m6

Sintesi del lavoro in Senato degli ultimi mesi del 2014

Sintesi dell'attività svolta in Senato negli ultimi mesi del 2014 (da scaricare in file PDF): il lavoro nelle Commissioni, le interrogazioni, gli atti parlamentari, le proposte di legge presentate, gli interventi in Aula e le missioni.

Tematiche affrontate con atti parlamentari e dibattiti (file PDF completo):

PD, GOVERNO, RIFORME: Novità introdotte dal governo Renzi, Jobs Act, Sblocca Italia, legge elettorale, Legge di Stabilità, introduzione del reato di autoriciclaggio, riforme istituzionali.

CASA: Risorse per il finanziamento degli interventi per la manutenzione degli alloggi pubblici e consentirne l’assegnazione, impegno contro l’abusivismo e il degrado dei quartieri popolari, le vicende di Quarto Oggiaro e del Corvetto.

INFRASTRUTTURE: Aeroporto di Bresso, mobilità in Lombardia, aeroporti di Linate e Malpensa e questione Alitalia.

Auguri a tutti in un Paese che sta cambiando

È stato un anno importante per il Partito Democratico. Nei prossimi mesi ci sarà l’Assemblea Nazionale sul tema di come, in un clima di rinnovamento generale, dentro alla spinta del cambiamento che vogliamo imprimere al Paese, riorganizziamo il partito e lo rendiamo più efficace. Dobbiamo attrezzare un partito sempre più capace di interpretare il cambiamento ma senza abbandonare i territori, senza abbandonare l’idea di avere i circoli sui territori, essere una grande comunità e lavorare sui problemi delle persone. Serve dare concretezza ad un’idea di partito capace di dare più valore alle presenze sul territorio e agli iscritti. Non basta un partito che valorizzi solo ciò che viene fatto a livello nazionale o nelle amministrazioni comunali serve anche un partito capace di valorizzare il grande lavoro dei tanti iscritti e dei tanti militanti.

Questo è stato un anno importante, al di là di quello che racconta una opposizione senza proposte, abbiamo fatto molto di più che limitarci agli annunci. Solo l’ultimo mese abbiamo approvato tre provvedimenti importanti. Prima la riforma del mercato del lavoro.
Al di là delle polemiche, finalmente, con il Jobs Act, diamo una risposta a 9 milioni di lavoratori con contratti precari, instabili, che lavoravano senza avere tutele, senza avere la possibilità di essere accompagnati nel momento in cui perdono il lavoro.

Modifiche al Codice Antimafia per punire la corruzione e far funzionare i beni confiscati

Intervento in Conferenza Stampa durante la presentazione dei DDL di modifica del Codice Antimafia.

I disegni di legge di modifica al Codice Antimafia che presentiamo oggi è il frutto di un lavoro condiviso da tutta la Commissione Antimafia. È frutto dei diversi passaggi che abbiamo avuto in Commissione quest’anno, dei documenti che abbiamo esaminato e, in particolare, di quello inerente la riforma per i procedimenti che riguardano i beni confiscati, che ha già votato la Commissione Antimafia e, soprattutto, che hanno votato le due Camere all’unanimità.
Voglio sottolineare che presentiamo questo contributo e questi disegni di legge in un momento in cui sono molto attuali per due ragioni. Innanzitutto perché si interviene a dare risposte su un tema come quello dei beni confiscati, su cui l’esperienza ci ha raccontato che c’è bisogno di modificare la legge attuale, c’è bisogno di migliorare le procedure e c’è bisogno di investire di più sull’uso dei beni confiscati, soprattutto sul modo in cui si gestiscono le aziende confiscate per evitare di dare un messaggio sbagliato cioè che lo Stato non sia in grado di gestire le imprese che, invece, sotto la cupola mafiosa hanno funzionato.
Credo che questo sia importante, ce lo hanno chiesto in tanti in questi mesi e mi pare che in questi testi di modifica del Codice Antimafia ci sia una risposta con cui la Commissione contribuisce in modo utile al dibattito in corso.