m6

L'eredità del 2015 e gli impegni per il 2016 per Milano e per l'Italia

Articolo pubblicato sull'Huffington Post .

L'anno che è appena iniziato promette di essere un anno importante per il nostro Paese e per la nostra città. Nel 2015 molto è cambiato e in meglio ma ancora sono tante anche le incognite.

Il pericolo del terrorismo resta alto nonostante gli interventi contro l'Isis decisi dalla comunità internazionale - finalmente unita anche per trovare soluzioni in Libia e in Siria - e nonostante il grande sforzo che stanno facendo le nostre istituzioni per garantire la sicurezza ai cittadini con un’incessante opera di prevenzione, indagine e presidio del territorio.

Certamente il lavoro resta ancora un grande problema per gli italiani, soprattutto, per i giovani.

Perché sostenere Sala

Intervista rilasciata a Fabio Massa per Affaritaliani.

Senatore Mirabelli, lei è un supporter di Sala. Perché?
Per diverse ragioni. Primo perché penso che sia in grado di fare bene l’amministratore e sia una persona per bene.
Balzani e Majorino non lo sono?
Ovviamente lo sono anche loro. E anche loro potrebbero fare bene gli amministratori. Conosco tutti da tempo, e quindi non credo che la mia scelta possa essere intesa come una cosa contro qualcuno.
Torniamo alle ragioni del suo sostegno a Sala.
Sala ha tre grandi talenti più di Balzani e Majorino.
Quali?
Il primo: è in grado di continuare ad alimentare il prestigio internazionale che Milano ha acquisito grazie ad Expo. Sarebbe un peccato perdere tutto quello per il quale abbiamo lavorato.

Dopo la bocciatura della riqualificazione degli scali, SEL non scelga la sinistra conservatrice

La gravissima bocciatura definitiva della delibera sugli scali ferroviari chiarisce che, oltre al centrodestra, c'è una parte della sinistra e della coalizione che avrebbe dovuto sostenere la giunta che si è assunta la responsabilità - per ragioni ideologiche - di bloccare un progetto necessario alla città. È chiaro che non è pensabile fare nessuna alleanza per il futuro con queste forze per chi vuole proseguire l'azione di rilancio e trasformazione positiva di Milano che ha caratterizzato questa amministrazione.
Chi è stato prima contro Expo e ora ha affossato un'altra straordinaria occasione di trasformazione e innovazione come quella costituita dagli scali ferroviari ha un progetto incompatibile col nostro. Non si migliora Milano né la vita dei milanesi opponendosi a tutto e difendendo sempre l'esistente.
In vista delle primarie oggi è tutto più chiaro.