mirabelli

Sinergie tra SAI e Commissione Antimafia per la lotta alla criminalità delle diverse forme di tratta

Intervento su “Sinergie tra SAI e Commissione Antimafia per la lotta alla criminalità delle diverse forme di tratta” (video) nell'ambito del convegno “L’accoglienza di vittime di tratta nel SAI alla luce della legge 173/2020” organizzato dal Comune di Trezzano sul Naviglio con Sistema Accoglienza Integrazione di Trezzano Sul Naviglio, Associazione Villa Amantea, Giostra e con il patrocinio di Avviso Pubblico.

Ringrazio l’Associazione Villa Amantea per quello che fa e per l’organizzazione di questo convegno.
Ringrazio per le stesse ragioni il Comune di Trezzano sul Naviglio.
Cercherò di dire quanto sia importante parlare della tratta, un fenomeno che appare come residuale ma che purtroppo invece coinvolge moltissime persone.
Dirò alcune cose in rapporto alla legislazione e in rapporto anche al lavoro che la Commissione Antimafia nella scorsa Legislatura ha fatto proprio su questo tema. È un lavoro importante e corposo che ha prodotto una Relazione utile, sia dal punto di vista dell’inquadramento della questione, sia dal punto di vista delle possibili iniziative e proposte utili per implementare una legislazione come quella italiana che comunque su questo tema è considerata avanzata e a cui fa riferimento una parte importante dell’Europa.

Presentazione del libro "Testimone di ingiustizia"

Intervento alla presentazione del libro "Testimone di ingiustizia" di Eugenio Arcidiacono a Vimodrone (video).

Penso che sia importante parlare di questi temi e farli uscire dalle cose di cui si occupano solo gli addetti ai lavori perché altrimenti, se se ne occupano solo gli addetti ai lavori, credo che faremmo poca strada nella lotta contro le mafie.
Voglio fare alcuni ragionamenti sul libro “Testimone di ingiustizia” di Eugenio Arcidiacono.
Personalmente, ho conosciuto diversi testimoni di giustizia in questi anni.
Ho fatto per tre anni il Commissario del PD a Caserta e ho conosciuto diversi testimoni nel casertano, a Mondragone e altri testimoni che sono raccontati nel libro di Arcidiacono.
È vero che è una vicenda drammatica, che diventa ancora più drammatica e incomprensibile nel momento in cui lo Stato ha bisogno di persone che trovino il coraggio di denunciare: c’è bisogno di pentiti ma anche di testimoni di giustizia, però, se c’è bisogno occorre poi essere in grado di dare rassicurazioni, non soltanto rispetto alla sicurezza personale ma anche rispetto alla vita di queste persone, che fanno una scelta pesantissima, soprattutto in Calabria e rispetto alla 'ndrangheta.

Le proposte Pd per la Giustizia

Intervento al webinar del PD con il Segretario Letta e i referenti in materia di Giustizia (video).

Mi pare molto importante la scelta di dare questo rilievo all’impegno e alle proposte del PD sulla Giustizia.
Le ragioni le ha esplicitate bene il Segretario Letta, credo che questo sia il momento del fare. Siamo di fronte ad una necessità e adesso sulla Giustizia bisogna fare concretamente le riforme e chiudere una fase troppo lunga in cui la Giustizia è stata usata come campo del conflitto politico, anziché come campo su cui intervenire per facilitare la vita dei cittadini e costruire un Paese più giusto.
Oggi presentiamo delle proposte che sono frutto di una riflessione ma anche di un lavoro che è già stato fatto e innerva i testi di legge su cui si sta discutendo sia sul processo civile che sul processo penale.
Voglio rivendicare il fatto che abbiamo sostenuto scelte sul Recovery Plan e sull’utilizzo delle risorse europee che oggi danno una direzione. Per noi è fondamentale mettere mano all’organizzazione della Giustizia e che questo è il tema principale da affrontare soprattutto per ridurre i tempi del processo civile, infatti, abbiamo fatto bene ad insistere perché ci fossero quelle 16mila assunzioni di personale per rafforzare gli Uffici del Processo e quei 4.000 assunti nuovi per far funzionare la digitalizzazione e l’edilizia giudiziaria.