Non servono maggiorenti per un rilancio vero e serio del PD

pubblicato il .

Intervista pubblicata da Il Mattino

La vicenda della sottoscrizione dei sindaci della Provincia di Caserta del documento pro-Minniti investe anche il Partito Democratico perché si inserisce nella dinamica congressuale.
A suscitare clamore è stata l’adesione dei sindaci di area di centrodestra.
Si tratta di un documento nazionale che segnerà in maniera determinante l’equilibrio tra le aree del PD della Provincia di Caserta e i sostenitori delle diverse mozioni.
In Terra di Lavoro si profila in confronto tra i supporter dell’ex Ministro e quelli del Governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
Un confronto tra mozioni che avrà a Caserta il suo peso quando si dovrà celebrare il congresso provinciale.
Rispetto a quest’ultimo non ci sono date fissate anche se la proposta della direzione regionale al Commissario Franco Mirabelli è di procedere entro il 20 dicembre.
Alcuni Segretari di Circolo si sono autoconvocati in riunione per discutere proprio del congresso.
Anche Mirabelli guarda in maniera positiva alla possibilità di poter fissare quanto prima una data.
«A breve riunirò la Commissione – ha detto – che si sta occupando del tesseramento. Quest’ultimo si sta svolgendo in maniera regolare, senza strappi o clamori e proprio questo dato mi fa affermare che il congresso provinciale potrà essere fissato entro i primi 20 giorni di gennaio, visto che le primarie per la scelta del Segretario nazionale sono state fissate per il 3 marzo».
Rispetto alla riunione dei Segretari dei Circoli, Mirabelli ha rimarcato: «So che diversi Segretari si sono ritrovati per discutere del futuro del PD e mi farebbe piacere esserci alla prossima riunione, perché il PD che stiamo costruendo è quello che guarda ai territori. Il congresso non deve essere solo unitario ma deve essere vicino ai territori perché il PD dei consorzi e delle partecipate non è vincente».
Sul caso specifico del documento a sostegno di Minniti, il Commissario Mirabelli ha sottolineato: «Premetto che non credo che Minniti sia a conoscenza della vicenda e non abbia necessità di episodi come questi, che alimentano una confusione che non aiuta il congresso e una partecipazione consapevole. La firma di sindaci di aree non di centrosinistra non aiuta le persone a scegliere. Credo che ci sia bisogno di un confronto sui temi, ad esempio su come costruire il partito. Non vedo – ha concluso Mirabelli – come possa servire alla costruzione del PD coinvolgere sindaci del centrodestra. Noi dobbiamo essere concentrati su come rilanciare il PD e non schierare i maggiorenti, perché non serve al congresso nazionale e neppure a quello provinciale».

Cliccare sull'immagine per ingrandire:


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive