Banche: ora procura nazionale contro i reati finanziari e una riforma della vigilanza bancaria

pubblicato il .

Una procura nazionale contro i reati finanziari e una riforma della vigilanza bancaria, sono alcune delle proposte emerse al Tavolo sulle banche alla Leopolda. Lo riferisce il vicepresidente dei senatori del Pd, Franco Mirabelli presente al tavolo. "I fatti che stanno emergendo, anche in Commissione d'inchiesta ma non solo - ha detto Mirabelli - dimostrano la necessità di una profonda riforma della Vigilanza sulle banche. Oggi abbiamo la Bce che vigila sui 15 principali Istituti italiani, ma per gli altri gli strumenti di vigilanza sono insufficienti". In secondo luogo, riferisce ancora Mirabelli, "dobbiamo pensare a maggiori garanzie per i risparmiatori per aumentare la loro consapevolezza al momento dell'acquisto di prodotti finanziari". Infine c'è il tema di "dotare la magistratura di strumenti nuovi per poter intervenire prima che la banca sia fallita, come invece è accaduto in passato. Per esempio sui conti esteri di Mps la magistratura non è potuta intervenire in passato perché non esisteva il reato di corruzione tra privati, che finalmente ora è stato introdotto. Uno di questi strumenti è quello di una Procura nazionale contro i reati finanziari, con magistrati specializzati in questo campo". Al Tavolo, ha riferito Mirabelli erano presenti anche alcuni dipendenti di Mps e Banca Etruria che hanno riportato le loro esperienze sul campo.

Fonte: Ansa

Video dell'intervento»
Testo dell'intervento»


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive