Intervista per zona 9 su via Padre Monti

pubblicato il .

Zona9Franco Mirabelli, l’intervento portato a termine martedì 26 gennaio u.s. dagli agenti di Polizia e Carabinieri insieme al personale dell’Aler nelle case di via Padre Luigi Monti è un nuovo passo nel processo di ricostruzione della legalità e della sicurezza in questi quartieri. Concordi?
Sono d’accordo è l’impegno che chiedevamo alle istituzioni, quello di riportare la legalità in quei quartieri, di difendere le persone per bene. Anche se molto resta ancora da fare ci sono tante famiglie in stato di bisogno che non meritano di essere accomunate ai delinquenti e che stanno soffrendo di questa situazione. Serve distinguere chi ha perso un diritto da chi non l’ha mai avuto, le persone perbene da chi delinque.

L’azione sopra citata è stata mirata verso coloro che gestiscono il racket delle occupazioni abusive che rendevano la vita impossibile a coloro che vivono nel pieno dei loro diritti e doveri. Possiamo definirla bonifica mirata e soprattutto è questa la strada giusta da percorrere?
Sarà il tempo a dirci se questi interventi sono risolutivi. Resta per esempio la preoccupazione che alla fine chi è stato sgomberato in questi giorni ed ha interesse a mantenere il controllo del territorio continui a vivere nel quartiere ospite di famigliari o altri residenti. La strada comunque è giusta ma ora occorre recuperare il pieno e costante controllo del territorio da parte delle istituzioni per garantire la legalità.

In un incontro pubblico svoltosi a dicembre a Villa Clerici tu hai lanciato una proposta, concreta e per alcuni versi innovativa, per riqualificare i quartieri di edilizia residenziale pubblica. Puoi rammentarcela?
Credo che le istituzioni debbano fare fino in fondo la loro parte, far sentire la loro presenza, prevenire l’illegalità e punire gli illeciti, combattere il degrado in ogni forma e così far sentire la loro presenza e far sentire i cittadini meno soli, ma non basta. Questo è un quartiere ricco di esperienze associative, sociali, cooperative. Accanto ai quartieri ERP c’è la straordinaria esperienza della cooperazione, il parco Nord, il più grande ospedale milanese, l’università, i nuovi insediamenti della Bicocca. Queste realtà convivono nella stessa zona in cui c’è il degrado di alcuni quartieri popolari. Credo che questi mondi non possano né debbano restare separati nell’interesse di tutti. E’ importante per tutti riuscire a impegnare le realtà sociali e civili di questa zona per aiutare a uscire dall’illegalità e dalla paura quei quartieri. Per far sentire meno sole le persone oneste spesso assediate dalla criminalità.

Con quali realtà della zona si potrebbe realizzare questo progetto e quali dovrebbero essere le prime attività da mettere in campo?
Penso che associazioni sociali, culturali, società sportive, le scuole, i partiti, debbano costruire iniziative  lì,  dare  un messaggio chiaro: che in questa zona non ci devono essere zone franche, che i cittadini vogliono e devono riappropriarsi del territorio in cui vivono, che nessuna persona onesta deve sentirsi sola. Che fare? Sia “zona 9” a lanciare un appello all’impegno civile che poi si deciderà come si dovrà sviluppare insieme a chi vi aderirà.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive