Europa dei cittadini, difesa comune e regole comuni per fisco, diritti, unità

pubblicato il .

Intervento a Telenova.

Un’Europa dei cittadini, difesa comune e regole comuni per fisco, diritti, unità. Queste sono le proposte prioritarie per l’Europa.
Europa dei cittadini vuol dire un’Europa in cui conti di più il voto popolare. Da tempo proponiamo che il Presidente della Commissione Europea non sia deciso dagli Stati ma sia eletto dai cittadini. Questo vuol dire un’Europa che non sia più solo una somma di nazioni in cui bisogna sempre trovare una mediazione ma che rappresenti davvero i cittadini.
Fisco e diritti, ad esempio salariali, sono questioni su cui una politica comune europea impedirebbe fenomeni, come quelli che ci sono stati in questi anni, di migrazioni di aziende da una parte all’altra in cerca di agevolazioni perché ci sarebbero regole comuni.
Una Difesa comune consentirebbe sicuramente un risparmio e inoltre sarebbe una garanzia per tutti.
Unità è una condizione: un’Europa unita è più forte e questa è l’unica condizione in cui possiamo riuscire a reggere la competizione internazionale. L’Italia da sola soccombe di fronte alle grandi superpotenze.
Chi dice di voler difendere gli italiani deve sapere che il modo per farlo è stare in Europa perché quello è l’unico ambito in cui è possibile competere.


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive