Vicinanza al giornalista Nascimbeni

pubblicato il .

A Milano, sotto casa sua, è stato aggredito il giornalista Enrico Nascimbeni al grido di "sporco comunista".
Un agguato neofascista a tutti gli effetti, nel corso del quale lo scrittore è stato accoltellato ad un braccio.
Un'altra vicenda che, ancora un a volta, è significativa del pessimo clima che si è instaurato nel Paese, da quando il ministro dell'Interno Matteo Salvini cavalca in prima persona l'intolleranza, fomenta l'odio e indica capri espiatori inesistenti, sottolineando il tutto con la frase "molti nemici, molto onore".
E' evidente che in un'atmosfera del genere vengono sdoganati anche i comportamenti socialmente più pericolosi.
Sono settimane che ripetiamo al ministro dell'Interno e al governo che così non si può andare avanti e che adesso hanno la responsabilità della sicurezza dei cittadini.
A Nascimbeni esprimo la solidarietà e la vicinanza del Pd e in particolare dei senatori del gruppo dem.
Noi non molleremo in un Paese civile l'intolleranza e la violenza non possono avere la meglio.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive