Capire perché c’è stata una rottura sentimentale con un pezzo del Paese

pubblicato il .

Intervento a Tagadà - La7.

A sinistra dovremo riflettere molto sul risultato di questa tornata elettorale. Il dato italiano non è diverso da quello ottenuto dalla sinistra anche nel resto d’Europa. Il fatto che ci abbiano votato in prevalenza dei pensionati indica che rappresentiamo sempre di più chi si sente garantito: il pensionato è una persona che comunque ha una garanzia. Non siamo riusciti a rispondere a una domanda di protezione rispetto alla preoccupazione per il futuro. Con la globalizzazione, il futuro può riservare delle sorprese spiacevoli, come è stata la crisi, rispetto a cui ci si trova indifesi. Non siamo stati rassicuranti rispetto a questo. Altre forze politiche hanno proposto ricette che sono volte a tornare indietro agli Stati nazionali, a chiudersi e mandare via tutti.
Adesso dobbiamo capire perché c’è stata una rottura sentimentale con un pezzo del Paese che, improvvisamente, non ci ha più ritenuti all’altezza di garantire la protezione sociale e quel futuro che abbiamo spesso evocato. Le persone, di fronte alla crisi si sono sentite troppo sole e noi non siamo ancora riusciti a dare una risposta.
Ovviamente, non c’è solo la crisi dei partiti del centrosinistra ma c’è anche la crisi dei sindacati e dei corpi intermedi, che non sono più in grado di orientare ma sono sempre più corporativi.



Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive