Non forzare i tempi: questa fase sia rimessa al Parlamento

pubblicato il .

Abbiamo concordato tutti sul lavorare perché la gestione di questa fase sia rimessa al Parlamento e non a Salvini. E quando la crisi ci sarà, al Presidente della Repubblica. E' fondamentale che sia il Parlamento a discutere e a decidere. C'è una legittima volontà del Presidente del Consiglio di essere audito prima di qualsiasi voto di sfiducia. Per quanto riguarda le scelte del gruppo, voteremo un calendario per mettere al primo posto la volontà del Presidente del Consiglio di relazionare al Parlamento.
Se si andrà in Aula domani lo deciderà la conferenza dei capigruppo. Non siamo d'accordo di andare domani in Aula perché significherebbe creare un precedente per cui il Senato si può convocare con sole 24 ore di preavviso. Troppo poco preavviso tra assemblea, capigruppo e riunione dell'Aula. Ma in ogni caso il Pd ci sarà.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive