Il Governo si straccia le vesti per i morti, ma poi condona anche le case a rischio

pubblicato il .

Il governo si è stracciato le vesti per la tragica morte di due famiglie in Sicilia che abitavano in una villetta abusiva troppo vicina ad un fiume, ma negli stessi giorni, all’interno del "Decreto Genova", che doveva occuparsi del crollo del Ponte Morandi, ha inserito il condono per tutte le costruzioni abusive di Ischia, con i parametri del 1985.
Vuol dire sanare tutte le abitazioni e concedere anche un aumento delle volumetrie, a prescindere se le case siano costruite in zone a rischio idrogeologico cioè soggette a frane, smottamenti e alluvioni, o a rischio sismico.
E’ una contraddizione inaccettabile, pericolosa.
Il cosiddetto governo del cambiamento’ non cambia un bel niente per la sicurezza del territorio, anzi guarda indietro. E cancella "Italia sicura" e "Casa Italia", fatte apposta per affrontare il dissesto idrogeologico e il rischio sismico.
Per Genova serviva un decreto apposta, da approvare subito.
Come può essere credibile un governo così?

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive