Il decreto sicurezza non sta in piedi

pubblicato il .

E’ del tutto evidente che alla prova del dibattito parlamentare e della discussione nell’opinione pubblica il Dl sicurezza non regge e non sta in piedi.
Siamo di fronte ad un provvedimento di pura propaganda che porterà solo guai al Paese.
Ed è per questo che oggi Salvini comincia a dire che l’ipotesi di mettere la fiducia sul decreto è reale.
Ora il M5S cercherà di far digerire le assurde norme contenute in quel testo ai dissidenti grillini.
Ma è sempre più forte la sensazione che, per paura che una delle bandiere del governo gialloverde venga bocciata dal Parlamento, Salvini e Di Maio ricorreranno alla fiducia, obbligando l’Italia a norme pericolose, inutili e sbagliate.

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive