Bonafede cambi il decreto carceri, inserisca misure alternative

pubblicato il .

Dopo il tragico duplice infanticidio a Rebibbia, il ministro Bonafede ha sospeso la direttrice del carcere, la sua vice e il vice comandante del reparto di Polizia penitenziaria. Fa propaganda e cerca il capro espiatorio invece di trovare soluzioni concrete, come si addice a un ministro.
Ciò che deve e può fare è modificare il decreto legislativo sulle misure alternative, in attuazione della riforma Orlando dell’ordinamento penitenziario, che il suo governo ha presentato in Parlamento privo di quelle norme che sarebbero servite ad evitare i drammatici fatti di Roma.
Le disposizioni sulle detenute madri con figli minori di un anno sono state infatti cancellate dalla maggioranza pentaleghista, come quelle sul diritto all’affettività e sulla sanità penitenziaria. Bonafede le ripristini.
Le lacrime del coccodrillo non servono, ci vogliono fatti concreti: investimenti sugli istituti a custodia attenuata, misure alternative.


Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive