Il governo non è all’altezza

pubblicato il .

Dietro la questione del decreto "sblocca-cantieri" c’è l’evidente incapacità del Governo Conte. Questo Governo ha bloccato 49 grandi opere non certo per colpa del nuovo Codice degli Appalti. Il problema sono le analisi costi-benefici, volute da Toninelli, i soldi bloccati perché non si sa e non si vuole scegliere sulla TAV, i mancati finanziamenti dei lotti mancanti per completare opere importanti come il terzo valico dei Giovi. Non è certo il Codice, del resto difeso anche dall’Anac, a impedire i lavori ma è il Governo che non sa decidere.
Si può certamente migliorare il Codice degli Appalti senza per questo doverlo far diventare uno strumento per cancellare regole di trasparenza e legalità.
Sostenere, come strumentalmente fa Salvini, che i tempi eccessivi delle opere siano colpa delle norme fatte per garantire trasparenza e legalità è una bugia. Il problema è che il Governo Conte non è all’altezza delle responsabilità che ha di fronte: prima se ne va e meglio è.

Conte si occupi dei problemi veri che abbiamo di fronte

pubblicato il .

Intervento a SkyTg24.

Mi auguro che oggi Conte spieghi le cose vere, non come vanno le beghe tra Lega e M5S, ma che si mettano al centro i temi che riguardano gli italiani e il futuro dell’Italia. Ad esempio, come si paga la clausola di salvaguardia? Dove si trovano quei miliardi? Dove si trovano i soldi perché abbiamo sbagliato i conti sulle previsioni di crescita?
Il Presidente del Consiglio è il rappresentante del Governo e deve indicare una strada e ci deve dire come si farà ciò che è da fare comunque, a meno che non si pensi che i debiti non si pagano.
Abbiamo una serie di valutazioni sull’economia sbagliate che oggi paghiamo.
Ci sono soldi in meno che entrano e che possono andare nel bilancio dello Stato e, quindi, soldi in meno per i servizi e il welfare.
Conte dovrà anche spiegare se è d’accordo nel fare la flat tax, che costa altri 15 miliardi e dove si troveranno i soldi.
Per fare le cose in deficit ci vogliono investitori internazionali che comprino il nostro debito e che non ce lo facciano pagare tantissimo.

Commenti recenti