Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: IMU

IMU 13/10/2013 16:11 #1

  • Carmelo Ganci
  • Avatar di Carmelo Ganci
Ancora una volta abbiamo pagato pegno al PDL ed al suo capo sulle rate IMU ma è possibile che nonostante il voto di fiducia della scorsa settimana siamo ancora succubi di B........
e mai possibile che non riusciamo a fare nulla di sinistra, ci mancava anche che un ministro tecnico(Giovannini) dettasse ai politici la linea da seguire,ancora una volta si andranno a prelevare i fondi dai soliti noti pensionati tra cui io,ho lavorato per 43 anni ho sempre versato.
e dove prenderanno i soldi magnifica idea dai pensionati d'oro!!!!!!!! che guadagnano lordo EUR3000,00 e poi sempre Giovannini(mi sembra il presidente del consiglio)dice che la legge Fornero sulle pensioni non si tocca,ma è informato sugli esodati,che non sono solo quelli senza lavoro ma anche chi doveva andare in pensione nel 2014 ed sono nati mel 1953 lo sapete quando andranno in pensione se tutto va bene nel 2017 e questa a voi Vi sembra giustizia sociale.
Ma il PD ed sopratutto il suo gruppo dirigente si sono accorti che grazie a questi clamorosi errori abbiamo perso il 50% degli iscritti ed abbiamo perso le votazioni.
Spero che rispondiate,se avessi l'email della segreteria nazionale del PD li invierei a loro
Carmelo

IMU 13/10/2013 16:06 #2

  • Angelo B
  • Avatar di Angelo B
Carissimi
scrivo a voi, conoscendovi, perché spero possiate farvi interpreti presso i vostri colleghi di questo mio semplice pensiero.
Ho sentito la notizia della presentazione di questo emendamento sull'IMU relativa alla prima casa che mira a riportare la tassazione sulle case di "pregio o di lusso"; iniziativa lodevolissima che posso senz'altro condividere (anzi io non ero nemmeno favorevole a toglierla l'IMU). Ho fatto però un salto sulla sedia quando ho letto che il riferimento che è stato proposto è quello di una rendita catastale di 750 €; si sta quindi affermando che sopra i 750 € si tratta di "case di pregio o di lusso"?
Scusate la franchezza ma da chi proviene questa pensata? chi l'ha pensata ha una conoscenza della realtà basata su dati concreti?
Vi dico questo perché, come assessore al Bilancio ho avuto modo di addentrarmi nei particolari dei dati catastali, famigliari e di reddito che vanno a comporre il gettito di IMU, TARES, addizionale IRPEF etc.
Vi pongo alcune piccole questioni:
- i valori catastali fra abitazioni di nuova costruzione e abitazioni simili costruite pochi anni prima
varia talvolta in maniera consistente all'interno dello stesso comune
- allo stesso modo, credo, possono esserci notevoli differenze fra aree urbane e non urbane e fra
regioni del nord e del sud; forse è un po semplicistico trovare un riferimento univoco
- la percentuale di alloggi che si colloca sopra i 750 € potrebbe aggirarsi, per un comune come
San Donato, fra il 30 ed il 40% e molti proprietari (la maggior parte di questi) son persone
normali (non ricche), con famiglie normali e case normali (non di lusso); la stragrande
maggioranza appartiene al famoso ceto medio
- possono ingenerarsi delle DISTORSIONI IMPREVEDIBILI; faccio solo l'esempio di una
famiglia numerosa, con 4 o 5 figli, che per esigenze di spazio spesso occupa una casa un
poco più grande della media, e quindi con un valore catastale maggiore, anche se la
capacità contributiva risulta inferiore alla media (in genere 1,5 stipendi per 6 o 7 componenti).
Ricordo, a tale proposito, come le indagini ISTAT sulla Povertà in Italia (Report del 17 luglio
2013) indichino nelle famiglie con 5 o più componenti (30,2%) o con 3 o più figli minori (28,5%)
la maggior incidenza di povertà relativa cioè, per intenderci, il doppio delle famiglie con 2 o più
anziani (15,4%)
Ditemi se non esiste il rischio di una IMPREVEDIBILE DISTORSIONE.
Per concludere non sarebbe meglio dare la possibilità ai comuni di decisere se, a chi ed in che misura far eventualmente pagare l'IMU sulla prima casa?
Questo sarebbe FEDERALISMO

Angelo B

IMU 31/08/2013 14:24 #3

  • Luigi
  • Avatar di Luigi
Sono un suo elettore e mi perdoni se mi allontano dai temi che or ora ho letto ma questa cosa mi sta sul gozzo e desidero che lei la conosca ed è questa.Abito a Milano e sono in una casa in affitto del comune a canone concordato (574 euro al mese).
Muore mia madre ed eredito una casa in abruzzo di poco valore e che per legge è una seconda casa e come prima rata ho pagato imu 350 euro più tassa dei rifiuti non residente un acconto di euro 200 e le bollette della luce e del gas con importi base doppi.
Decido, logicamente, di vendere perchè mi dico come faccio a onorare le spese?
Impossibile non si vende nulla!!! Sono un pensionato e percepisco 850 euro............. non crede che il mio partito con l'abolizione dell'imu sulla prima casa, ha favorito solo i proprietari di case di valore. Caro Franco nelle mie condizioni siamo in tanti sarebbe bene che ve ne occupaste .
Grazie Luigi

IMU 30/08/2013 11:50 #4

  • Maurizio P
  • Avatar di Maurizio P
Sono assolutamente contrariato dalla abolizione dell’IMU così come è stata fatta, ancora una volta i dirigenti del PD si sono comportati in modo contrario a quanto avevano sempre detto, ora con l’IMU prima con l’affermazione “mai col PDL …… “La stabilità è importante ma ancora più importante è un buon Governo, l’Europa ci ha già ripreso per questa legge; concordo con Monti che prevede tasse compensative e con Fassina che prospetta l’aumento dell’IVA, fatto ben più grave dell’IMU.
Letta continua la politica del suo mentore Bersani, entrambi porteranno alla sconfitta il PD dando spazio al populismo del PDL che ha distrutto l’Italia. Non sarò sorpreso se a Berlusconi, a scapito di quanto tutto il PD ha sbanderiato, venga concesso una sorta di indulto, chiaro schiaffo a tutta la Magistratura.
Mi auguro che nel nostro Partito ci siano forze che si oppongano a questo costante suicidio.
iscritto del PD di Abbiategrasso
Moderatori: franet, diana, franco, franet
Tempo creazione pagina: 0.445 secondi