Quarto Oggiaro, il caso “Pulce” arriva in Senato

pubblicato il .

Quarto Oggiaro, il caso “Pulce” arriva in Senato.
Mirabelli (PD): Situazione gravissima, ne ho parlato con il Prefetto.
Articolo di Massimiliano Mingoia pubblicato da Il Giorno, Martedì 2 settembre 2014

Il caso della “Pulce” di Quarto Oggiaro sbarcherà presto a Palazzo Madama. Il senatore del Partito Democratico Franco Mirabelli annuncia un atto parlamentare per «denunciare la grave situazione che è tornata a verificarsi a Milano, dove un minorenne condannato a 7 anni è scappato per l’ennesima volta dalla comunità a cui era stato assegnato e negli ultimi giorni è stato visto a Quarto Oggiaro».
Mirabelli si riferisce proprio a lui, a R.D.C., 16 anni, la “Pulce”, il “baby Vallanzasca” che, come segnalato ieri da Il Giorno, è tornato a Quarto Oggiaro, il quartiere dove abitano i suoi genitori e dove abitava lui prima della condanna dello scorso maggio. Il problema è che non dovrebbe essere lì. Il minorenne è stato condannato per reati gravissimi: porto abusivo d’arma, tentato omicidio, tentata estorsione e lesioni. Subito dopo la sentenza è stato portato in una comunità protetta in provincia di Alessandria. Lo scorso 4 giugno, però, è scappato grazie all’aiuto di un complice che l’ha riportato con un’auto rubata a Quarto Oggiaro.
La “libera uscita” della “Pulce” è durata quasi un mese e mezzo. Il 26 luglio la polizia lo è andato riprendere: l’hanno trovato all’alba a casa dei genitori, mentre dormiva. Da lì il “baby Vallanzasca” è stato portato nel carcere minorile Beccaria e, dopo qualche settimana, è tornato in comunità. Da lì un’altra fuga, qualche giorno fa. Più di un residente di Quarto Oggiaro l’ha già visto in giro per il quartiere, tra via Pascarella, dove sono comparse scritte minacciose sui muri, e piazzetta Capuana.
Il Comune, con l’Assessore alla Sicurezza Marco Granelli, ha già segnalato alle forze dell’ordine la presenza a Milano del minorenne condannato. E ieri il caso è stato segnalato anche al Prefetto Francesco Paolo Tronca. È stato Franco Mirabelli, in qualità di membro della Commissione Parlamentare di inchiesta sulle mafie e altre associazioni criminali, a denunciare la situazione: «Ho chiesto al Prefetto di tutelare tutte le persone minacciate da questo minorenne condannato che non dovrebbe essere lasciato libero di girare per Milano. Si tratta di una situazione grave che va affrontata e risolta, dopo l’ennesima fuga dalla comunità».
Mirabelli preannuncia un atto parlamentare per segnalare il caso “Pulce”: «La presenterò nei prossimi giorni».


Cliccare sull'immagine per ingrandire:

Nascondi modulo commenti

 10000 Caratteri rimanenti

Antispam Aggiorna immagine Case sensitive